Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso. Per ulteriori informazioni riguardanti anche la modalità di modifica delle impostazioni dei cookie, leggi la nostra Informativa sulla privacy

2015 schede

2015 rassegna

2015 denunciare

2015 prontuario

Dona il tuo 5x1000 a Feder F.I.D.A. Onlus
Stampa

"Velina" e rottweiler: lettera inviata alla stampa sul "giallo" del cane della Velina di "Striscia la Notizia"

Domande sul rottweiler della nuova velina di StrisciaNegli ultimi due giorni sul social network Facebook è rimbalzata la notizia che riguarda la nuova "velina di Striscia", Giulia Calcaterra e della storia poco chiara del suo rottweiler.

Da quanto si legge, parrebbe che la Calcaterra dapprima avesse messo in adozione il cane poiché, per suoi motivi che non sta a noi giudicare in questo frangente, la stessa si trovava nell’impossibilità di poterlo tenere.
Si dice anche che il cane, non si sa quando ed in quale circostanza, l'avesse aggredita lasciandole evidenti segni di tale aggressione.
Si dice anche, però, che la Calcaterra abbia fatto sopprimere il suo cane e questo è il punto che tutti vorremmo fosse chiarito.
Quest’ultima notizia, tutta da verificare, è stata divulgata nel profilo di facebook di "Amici Fedeli" e più precisamente nella persona che gestisce questo profilo, la signora Rita Nocerino, la quale dichiara di essere stata contattata da un amico della Calcaterra… amico che vuole rimanere nel totale anonimato.
L’anonimo, quindi, asserisce di sapere la verità, ovvero che la Calcaterra abbia fatto sopprimere il suo cane.

Al di là del fatto che esiste una legge la quale punisce l’uccisione di un animale senza motivo (L. 189/04, .544 bis c.p.)…
Al di là del fatto che se io venissi a conoscenza che è stato commesso un reato, lo denuncerei…. e non di sicuro su facebook….
Al di là del fatto che, se questa notizia non troverà riscontro od ancor di più venisse smentita da inconfutabili prove, ricordo a chi si è lanciato o lanciata alla caccia alle streghe…. che anche la calunnia è un reato!

Tutto ciò premesso, la Feder F.I.D.A. Onlus chiede espressamente alla signorina Giulia Calcaterra di poter fornire la sua versione dei fatti, ovviamente allegate a prove tangibili, al fine di confermare o smentire tutto ciò che è stato “riportato” ad oggi e poter fare la dovuta chiarezza su un'ipotesi di reato che serpeggia nel web.
Ricordo a chi ci legge che la Calcaterra non è tenuta a dar conto a noi di quanto eventualmente accaduto, ma semmai agli organi competenti, che di sicuro non si muovono per un pugno di mosche che girano sui social network.

Per concludere non posso approvare chi si "disfa" del proprio "amico fedele" e men che meno potrei rimanere in silenzio se venissi a conoscenza che lo stesso possa essere stato UCCISO senza una delle due uniche motivazioni contemplate nella 189/04.
L'una riguarda motivi di grave stato di sofferenza dell’animale, per cui l'eutanasia sarebbe l'unico sollievo .
L’altra, invece, si riferisce alla "comprovata aggressività", tanto da definire il cane IRRECUPERABILE ( MOTIVAZIONE MOLTO DISCUTIBILE!) ed a tale proposito non voglio nemmeno pensare che la signorina Giulia Calcaterra abbia volutamente reso nota l’aggressione subìta come prefazione di un libro già letto!!

Presidente Feder F.I.D.A. onlus
Loredana Pronio