Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso. Per ulteriori informazioni riguardanti anche la modalità di modifica delle impostazioni dei cookie, leggi la nostra Informativa sulla privacy

2015 schede

2015 rassegna

2015 denunciare

2015 prontuario

Dona il tuo 5x1000 a Feder F.I.D.A. Onlus
Stampa

Cane su davanzale a Castelfranco Veneto: risposta "automatica" comandante vigili

Il comandante dei vigili di Castelfranco Veneto risponde alla diffida Feder F.I.D.A.... E io pure!

castefranco veneto: cane abbandonato su davanzale, ecco la lettera di diffida ai vigili da parte di Feder F.I.D.A.Il comandante vigili di Castefranco Veneto invia una risposta "standard" alla diffida Feder F.I.D.A., ignorando volutamente quanto stabilisce la legge per la detenzione di un cane.
E Feder F.I.D.A. è già pronta a rivolgersi al Prefetto.

Risposta "standard"
(inviato in automatico dal comandante dei vigili a chiunque avesse chiesto informazioni sulla vicenda del cagnolino di Castelfranco Veneto)

"Gentilissima Signora,
La informo che siamo già intervenuti all'inizio della settimana ed il cane sta bene. Questo per tranquillizzarla.
Distintamente. Il Comandante P.M.
P.S. mi spiace per l'eccessivo allarmismo che qualcuno ha diffuso immotivatamente"

Replica della Presidente Feder F.I.D.A.

"Gentile Comandante,
credo di aver ampiamente spiegato le motivazioni della diffida e di averle posto delle richieste da lei eluse.
Non posso mettere in dubbio lo stato fisico del cane poichè impossibilitata a constatarlo direttamente, bensì la sua illecita detenzione sul davanzale di un piano alto e il vostro opinabile comportamento di fronte ad un possibile pericolo anche per l'incolumità dei vostri concittadini.
Inoltre nell'oggetto in risposta alla mia diffida scrive "informazione errata" e a tale proposito vorrei ricordarle che non si tratta di "informazioni", ma di documentazione fotografica che vale come prova a quanto da me asserito. Prendo atto della sua risposta, ma mi trovo costretta a riferire il tutto ad altro organo competente, quale il Prefetto, quanto da voi non preso nella giusta considerazione.
Se veramente vuole tranquillizzarmi, come lei stesso scrive, faccia valere la sua competenza nel rispetto delle normative e delle leggi vigenti.

Distinti saluti.
Loredana Pronio
Presidente Feder F.I.D.A. Onlus