Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso. Per ulteriori informazioni riguardanti anche la modalità di modifica delle impostazioni dei cookie, leggi la nostra Informativa sulla privacy

2015 schede

2015 rassegna

2015 denunciare

2015 prontuario

Dona il tuo 5x1000 a Feder F.I.D.A. Onlus
Stampa

Feder F.I.D.A. e volontari aggrediti a Fiumicino da venditori d'animali [Comunicato stampa]

animale in gabbiaAggressione al mercato di Fiumicino: i venditori di animali non gradiscono i controlli degli animalisti!

Alcuni volontari delle associazioni Feder F.I.D.A. Onlus e Animalisti Italiani Onlus sono stati AGGREDITI questa mattina a FIUMICINO, nel mercato settimanale del sabato di via Foce Micina, da alcuni venditori di animali.
Oltre ad essere minacciati pesantemente e più volte, gli animalisti sono stati colpiti da oggetti lanciati da un venditore, che si è presentato come il titolare dell’attività.

La Feder F.I.D.A. ha ricevuto una segnalazione da parte dell’associazione "Avar – Il Faro Onlus" di Fiumicino, a sua volta allertata da cittadini che avevano visto le deplorevoli condizioni degli animali. Il venditore esponeva per la vendita diversi volatili, pesci e roditori tutti costretti, in sovrannumero e in promiscuità, in gabbie e contenitori occasionali.

Alla richiesta di Enrico Rizzi, coordinatore nazionale di Animalisti Italiani Onlus, di visionare il necessario documento per il trasporto degli animali, il titolare dell’esercizio commerciale ha dato in escandescenze, dapprima solo verbalmente, poi passando alle vie di fatto. L’uomo ha minacciato i volontari e si è scagliato contro la Presidente Loredana Pronio e Pierpaolo Cirillo di Feder F.I.D.A., per poi lanciare al loro indirizzo diversi guinzagli e un pacco di mangime, colpendo peraltro una ignara passante. L’uomo è stato fermato e allontanato a fatica da altri collaboratori alla vendita. I volontari hanno subito contattato il 112 e i vigili urbani. Questi ultimi sono intervenuti prontamente.
Nonostante l’arrivo delle divise, il titolare dell’esercizio commerciale ha continuato a inveire e ad aggredire i volontari presenti. I vigili hanno chiesto il successivo intervento dell’Asl per monitorare le condizioni degli animali. Quindi sul luogo sono intervenuti anche i carabinieri del “pronto intervento”.

"Purtroppo ogni volta che andiamo a verificare le condizioni degli animali esposti per la vendita – dichiara Loredana Pronio, Presidente nazionale di Feder F.I.D.A. Onlus – subiamo spesso e volentieri aggressioni, anche solo alla richiesta di esibire documenti o dare spiegazioni sulle condizioni di trasporto e tenuta dei poveri animali. Evidentemente chi con gli animali ci guadagna ha un’aggressività innata. Quando noi poniamo semplici domande – conclude Loredana Pronio – la loro risposta è quasi sempre la violenza".