Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso. Per ulteriori informazioni riguardanti anche la modalità di modifica delle impostazioni dei cookie, leggi la nostra Informativa sulla privacy

2015 schede

2015 rassegna

2015 denunciare

2015 prontuario

Dona il tuo 5x1000 a Feder F.I.D.A. Onlus
Stampa

Lazio, cani, gatti e conigli potranno entrare negli ospedali

Anche la Regione Lazio  ha stabilito che gli animali potranno entrare negli ospedali dove sono ricoverati i loro proprietari.

Il provvedimento regionale, recependo la disciplina nazionale, è stato adottato alla fine di novembre. La Regione ha stabilito un regolamento e  linee guida di indirizzo per le strutture pubbliche e private accreditate. Inoltre, un logo identificherà i luoghi, all’interno dei reparti, dove sarà possibile l'accesso di cani, gatti e conigli.

Per il Governatore Nicola Zingaretti la possibilità di avere accanto il proprio animale da compagnia durante l'ospedalizzazione "è un fattore dalle ricadute positive nel processo di cura e riabilitazione".  L'assessore regionale alla Sanità  Alessio D’Amato parla di "umanizzazione degli ospedali" e di "un grande lavoro organizzativo per far decollare il servizio fino a poco tempo fa irrealizzabile». 

Le direzioni sanitarie dovranno individuare gli spazi in cui è autorizzato l’ingresso di animali d’affezione e indicare gli orari di visita predisponendo mappe e piantine segnaletiche. A Fido e Micio è richiesto il certificato sanitario di buona salute rilasciato la settimana precedente. Pulizia e spazzolata sono d’obbligo, ammesso un quattrozampe per volta. Per i cani, guinzaglio di lunghezza non superiore a 1,5 metri e museruola da indossare all’occorrenza. Sconsigliato l’ingresso delle grosse taglie quando piove per immaginabili problemi di sgrullamento e imbrattamento. Gatti e conigli vanno accompagnati nel trasportino fino al momento della visita. Evitarne la fuga tenendoli in braccio.

L’ingresso deve essere richiesto dal malato o da un suo familiare e autorizzato dalla direzione sanitaria. Un team di personale formato osserveranno l’interazione paziente-animale.