Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso. Per ulteriori informazioni riguardanti anche la modalità di modifica delle impostazioni dei cookie, leggi la nostra Informativa sulla privacy

2015 prontuario

Dona il tuo 5x1000 a Feder F.I.D.A. Onlus
Stampa

Smarrimento/abbandono/ritrovamento di un animale domestico

Importante Chi abbandona un animale d'affezione commette un reato in base alla Legge 189/04 e può essere punito con l'arresto, o con un'ammenda sino a 10.000 euro.
Tu puoi denunciare alle autorità giudiziarie i colpevoli di tali atti: raccogli, laddove possibile, gli elementi necessari a individuare i responsabili (numero di targa, data e ora dell'evento, eventuali riprese video, testimoni ulteriori etc..) e contribuisci a far applicare (e conoscere) le sanzioni previste dalla legge. Contrasta gli abbandoni!
NOTA:
1. I metodi di accalappiamento devono sempre essere tali da evitare ai cani inutili sofferenze.
2. Le associazioni per gli animali possono affiancare i cittadini e alcune presentano anche Guardie zoofile volontarie, oppure offrono servizi di aiuto e contattarle può essere molto utile, ma il loro intervento NON sostituisce quello delle Forze dell'Ordine.

CANE (non ferito)

=> Se ferito, leggere qui

1. SMARRIMENTO

  • Per 1° cosa la scomparsa di un cane dovrebbe sempre essere denunciata dal proprietario (o da chi lo teneva in custodia) entro 7 GIORNI dall'accaduto a Vigili Urbani, Polizia, Carabinieri, oppure al dipartimento di prevenzione VET della zona (IMPORTANTE: vigili, polizia, carabinieri etc. sono contattabili anche in caso appartengano a un comune diverso da quello in cui è avvenuto il ritrovamento dell'animale).
  • In seguito alla denuncia, la scomparsa dell'animale sarà fatta registrare, da chi di competenza, nell'anagrafe canina.
  • Il cane, nel frattempo, potrebbe essere stato già segnalato come vagante a vigili / polizia / carabinieri le indicazioni necessarie per mettere in atto il suo ritiro, o magari dato in custodia al canile sanitario, quindi meglio controllare contattando subito le varie Stazioni e uffici di zona.

 

2. RITROVAMENTO

  • Avvicinarsi con prudenza, se non altro per poter controllare se il cane è provvisto di medaglietta. Il microchip si può invece rilevare solo mediante apposito lettore, in dotazione ai servizi VET ASL e Forze dell'ordine (o, a volte, a VET professionisti, o più raramente Onlus per animali). NOTA: potrebbe essere presente anche un vecchio tatuaggio (su coscia od orecchio destri), ma potrebbe essere illeggibile.
    Se non si riscontra la presenza di una medaglietta e non è quindi possibile tentare di rintracciare subito il proprietario, ai sensi della legge n. 281/91 è obbligatorio denunciarne il ritrovamento a Vigili Urbani, Polizia, Carabinieri, etc. (IMPORTANTE: vigili, polizia, carabinieri sono contattabili anche in caso appartenessero a un comune diverso da quello in cui è avvenuto il ritrovamento dell'animale).
    Inoltre la denuncia certificherà la condizione di "cane vagante ritrovato" e sarà utile per perseguire il responsabile di un eventuale abbandono.
  • Se il cane è abbandonato in un'area privata chiusa e di difficile accesso, fate riferimento alla nostra Scheda utile.
  • Se il cane si trova in autostrada, strada cittadina a traffico veloce (o altro di simile che possa causare incidenti automobilisticii, quindi in una condizione che può costituire pericolo per sé o per altri), bisogna chiamare subito la Polizia stradale, autostradale o locale (mediante il centralino del Comune, o Provincia, di riferimento), fornendo tutte le indicazioni necessarie per mettere in atto il recupero dell'animale.
  • Il cane recuperato, accompagnato dal verbale della Pubblica Autorità contattata per la denuncia, sarà poi dato in custodia alla struttura di accoglienza competente per territorio (pubblica, come nel caso del canile sanitario municipale; oppure privata e convenzionata col Comune sul cui territorio è stato ritrovato l'animale).
  • L'identificazione di un cane vagante e tutti gli interventi di pronto soccorso prestati, sono effettuati dal Dipartimento di prevenzione veterinario (ripetiamo: chiamato a intervenire da parte delle Forze dell'Ordine) e cioè sono a carico dell'ASL competente per territorio.
  • Chi consegna il cane non microchippato a una struttura pubblica non accompagnandolo il tutto da regolare denuncia, ne diventa il nuovo proprietario e come tale sarà tenuto a pagare le spese (sanitarie e di mantenimento) presso la struttura stessa. Semmai sarà la struttura in questione, se priva di posto o trovandosi di fronte a una richiesta diretta della persona che ha trovato il cane, a decidere per un affidamento provvisorio in attesa di capire se l'animale vagava in seguito a abbandono, o smarrimento. Gli animali ricoverati in tali strutture destinate al ricovero (così come per le strutture destinate al pensionamento e al commercio di animali d'affezione ), non possono essere destinati ad alcun tipo di sperimentazione.
TROVATO IL PROPRIETARIO? In caso di cane trovato vagante, ma di cui sia stato poi possibile rintraccciare il proprietario (mediante riconoscimento di tatuaggio, chip o ANCHE perché qualcuno ha assistito all'abbandono), il ritrovamento va notificato al proprietario o detentore stesso e questi avrà l'obbligo di ritirare l'animale entro 5 GIORNI dalla notifica, oltre a a dover pagare tutti i costi sostenuti per cattura, eventuali cure e per il nutrimento e alloggio (costi e modalità sono stabiliti da Regioni e/o Comune di appartenenza.)

 

GATTO (non ferito)

=> Se ferito, leggere qui

RITROVAMENTO

La procedura è simile a quella utilizzata in caso di ritrovamento del cane vagante, con le seguenti differenze:

  • Chiedetevi: il gatto è effettivamente stato smarrito/abbandonato? O invece è solo parte di una colonia felina? O, ancora, è un gatto di proprietà che sta solo "passeggiando" in zona?
  • Rispetto al cane, i gatti non hanno obbligo d'iscrizione all'anagrafe e quindi non possiedono elementi di riconoscimento (tranne la medaglietta), a meno che non si tratti di gatti in possesso del passaporto europeo per animali domestici e, in quel caso, avranno un microchip.
  • La persona tutrice di una colonia felina che, senza giustificati motivi (es., malattia), e/o senza prevedere la presenza di un suo sostituto, abbandoni la colonia a lei affidata, non fornendo cioè più cure e sostentamento ai gatti, è passabile di denuncia per abbandono.