Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso. Per ulteriori informazioni riguardanti anche la modalità di modifica delle impostazioni dei cookie, leggi la nostra Informativa sulla privacy

2015 schede

2015 rassegna

2015 denunciare

2015 prontuario

Dona il tuo 5x1000 a Feder F.I.D.A. Onlus
Stampa

Maltrattamento di animale (domestico e non)

Maltrattamento di animali: cosa dice la legge?

Ricordiamoci innanzitutto che nel nostro paese esistono 3 tipi di leggi che tutelano gli animali:

  • Statali (281/1991 "Legge quadro in materia di animali d’affezione e prevenzione del randagismo" e 189/2004 "Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali", che ha modificato diversi articoli del C. Penale).
  • Regionali (dopo l’approvazione della 281/1991, le regioni italiane hanno emesso normative che mettono in pratica quando enunciato in tale legge. Trovate l'elenco di tali leggi nel'apposita sezione "La tua Regione")
  • Comunali (molti comuni italiani hanno ratificato appositi Regolamenti per la tutela e il benessere degli animali, inclusa la prevenzione del randagismo. Per i comuni che (ancora) non possiedono tali regolamenti, bisognerà rifarsi alle leggi della relativa regione e controllare eventuali Ordinanze emesse dal sindaco).

 

COSA PUOI FARE?Chi maltratta un animale commette un reato e in base alla suddetta Legge 189/04 può essere punito con l'arresto fino a 1 anno, o con un'ammenda sino a 10.000 euro.
Per legge è vietato abbandonare, picchiare, uccidere un animale, così come costringerlo a vivere in condizioni incompatibili con le peculiarità e i bisogni propri della specie a cui l'animale appartiene. Però non stabiliscono nello specifico TUTTE, tali condizioni, per cui nei casi più particolari occorre considerare anche i regolamenti comunali, le ordinanze dei Sindaci e le sentenze della Cassazione. IMPARALI!

Tu puoi denunciare alle autorità giudiziarie i colpevoli di tali atti:
raccogli tutti gli elementi/prove necessari ad individuare i responsabili (comprese foto, video, documenti) e per comprovare il maltrattamento e denuncia! Contribuirai a far applicare (e conoscere) le sanzioni previste dalla legge e a fermare i maltrattamenti.
Chiama le Forze dell'Ordine anche solo telefonicamente e ricorda che l'intervento deve essere accompagnato dal sequestro dell'animale (art. 321 e 544 sexies del Codice Penale). Inoltre denuncia alle autorità giudiziarie i colpevoli di tali atti: raccogli tutti gli elementi utili per individuare i responsabili (foto, video, documenti) e per comprovare il maltrattamento!

 

Cosa dice la legge sul maltrattamento di animali?

Codice Penale
In base al C. Penale commette tale reato chiunque:

  • incrudelisca verso animali senza necessità
  • li sottoponga a strazio o sevizie o a comportamenti e fatiche insopportabili per le loro caratteristiche
  • li adoperi in giochi, spettacolo o lavori in aperto contrasto con la loro natura (valutata secondo le loro caratteristiche anche etologiche: esempio: far giocare predatori, quali le tigri, con prede)
  • li detenga in condizioni incompatibili con la loro natura
  • abbandoni animali domestici (o che comunque abbiano acquisito abitudini della cattività)
  • nell'ambito di attività di commercio, spettacolo trasporto, allevamento. In questi casi la condanna prevede la sospensione per almeno 3 mesi della licenza inerente l'attività, oltre alla confisca degli animali oggetto di maltrattamento (a meno che appartengano a persone estranee al reato)

 

e ci sono aggravanti e aumenti di pena nei casi di:

  • recidiva
  • maltrattamento commesso con mezzi particolarmente dannosi e dolorosi (per es. modalità del traffico, del commercio, del trasporto, dell'allevamento, di uno spettacolo di animali):
  • morte dell'animale: oltre l'ammenda è prevista la pubblicazione della sentenza e l'interdizione dall'esercizio dell'attività (di commercio, di trasporto, di allevamento, di mattazione, di spettacolo - a seconda della gravità del maltrattamento), oltre alla confisca degli animali oggetto di maltrattamento (a meno che appartengano a persone estranee al reato).
  • scommesse clandestine abbinate ai maltrattamenti, che fanno aumentare la pena della metà e comportano la sospensione per 12 mesi della licenza.

 

SENTENZE
Esistono spesso sentenze specifiche, qui alcuni esempi:

  • Cane legato a catena/corda troppo corta? E' maltrattamento: art. 544-ter C.Penale (Cassazione n. 26368/2011)
  • Maltrattamento legare il cane al sole (Cassazione n. 20468/2007)
  • Reato lasciare cane chiuso in auto al sole (Cassazione n. 175/2008)
  • Se per allontanare un animale, lo si colpisce con un corpo contundente (pietre, bottiglie etc.) causandogli danno, si ha una responsabilità per colpa rilevante esclusivamente in sede civile (Cass. 3° Sez., sentenza del 1 marzo 1953).
  • Il deterioramento dell'animale può essere permanente o transitorio, per cui anche una lesione guaribile in breve tempo è riconducibile a reato (Cass., sentenza del 27 giugno 1958)
  • Per lo stesso motivo (transitorietà) sussite reato anche nel caso di applicazione dolosa dell'animale (nel caso della sentenza, era un cavallo da corsa) di farmaci ipnotico-sedativi usati per deteriorare utilizzabilità e rendimento dell'animale stesso (Pretura di Roma - 29 maggio 1973)
  • Perché non sussista il reato stabilito dall'art. 638 C.P. , è necessario che ci sia un danno o pericolo in atto imminente e non sia possibile evitarli senza uccidere o dannegggiare l'animale altrui (Cassazione, sentenza del 26 gennaio 1977).

 

Riferimenti utili:

  • Legge 189/2004, che ha modificato il Codice Penale
  • Sentenze della Cassazione
  • Leggi Regionali
  • Regolamenti comunali