Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso. Per ulteriori informazioni riguardanti anche la modalità di modifica delle impostazioni dei cookie, leggi la nostra Informativa sulla privacy

2015 schede

2015 rassegna

2015 denunciare

2015 prontuario

Dona il tuo 5x1000 a Feder F.I.D.A. Onlus
Stampa

GRICIGNANO DI AVERSA (CE) - Reg. del 2011 ("Reg. per adozione cani")

comune gricignano di aversa(Regolamento comunale "per l'adozione dei cani" di Gricignano di Aversa - allegato a delib. C.S. n. 74 del 21/06/2011. Tratto dal sito ufficiale del comune).

Articolo 1 ‐ Oggetto
Il Comune riconosce la funzione sociale dell’adozione, da parte di soggetti privati, di cani abbandonati o randagi ospitati presso il canile convenzionato, allo scopo di garantirne il loro benessere e di prevenire il sovraffollamento presso la struttura di ricovero. A tal fine, sul sito istituzionale del Comune sono predisposte ed aggiornate apposite pagine web dove sono pubblicate foto e caratteristiche salienti dei cani che possono essere adottati.

Articolo 2 – Modalità di adozione
Tutti i cani randagi di proprietà del Comune ed ospitati presso il canile convenzionato, possono essere adottati da privati e da chiunque ne faccia richiesta. L’adozione sarà consentita solo a maggiorenni, con diritto di prelazione, a parità di scelta, dei cittadini di Gricignano di Aversa.
Gli interessati ad ottenere l’adozione di un cane, presenteranno la relativa richiesta scritta su appositi moduli predisposti dall’Ente, che dopo averle valutate, disporrà l’autorizzazione, con la quale il richiedente potrà recarsi presso la struttura convenzionata per l’adozione del cane. La struttura convenzionata identificherà il cane, da un punto di vista descrittivo, con foto e microchip allegando il tutto all’autorizzazione. Tale documentazione allegata all’autorizzazione sarà consegnata all’ente che provvederà in 5 giorni a rilasciare il nulla osta per il ritiro del cane dalla struttura.
Prima della consegna al richiedente, il cane sarà sottoposto a carico del canile convenzionato agli eventuali prelievi, accertamenti diagnostici e profilassi secondo quanto sarà prescritto dal servizio veterinario dell’ASL. L’adozione del cane non può avvenire se prima il servizio veterinario dell’ASL non abbia accertato l’effettivo stato sanitario del cane.
All’adottante è fornita la scheda sanitaria del cane che riporta le condizioni di salute dell’animale, gli esami ed interventi effettuati, le profilassi vaccinali ordinarie (cimurro, epatite, leptospirosi, parvovirosi), gli esiti dei test della filarosi e leismaniosi. Il cane adottato, passa nella proprietà dell’adottante con relativa iscrizione all’anagrafe canina dopo un periodo di prova di 2 mesi.
Entro questo termine, l’adottante può recedere dall’affidamento previa comunicazione all’ufficio comunale competente, senza oneri a carico.

Articolo 3 ‐ Controlli periodici
Il comune darà corso a sua discrezione a controlli periodici atti a verificare il corretto mantenimento degli animali, avvalendosi dei competenti organi di controllo e delle associazioni di volontariato animaliste, al fine di accertare il loro corretto trattamento, anche sul piano alimentare e veterinario ed il rispetto della normativa e dei regolamenti vigenti, nonché delle disposizioni previste dal Progetto Adotta un Amico.
Nel caso venisse accertato il maltrattamento dell’animale, si provvederà ad inoltrare regolare denuncia ai sensi di legge e a revocare tempestivamente l’adozione, disponendo il ricovero del cane presso la struttura.

Articolo 4 ‐ Eventuale trasferimento dell’animale affidato
In caso di cessione del cane ricevuto in affidamento ad altro soggetto privato, il beneficiario si impegna a comunicare all’ente entro e non oltre le 24h, il nominativo di quest’ultimo, il quale dovrà a sua volta sottoscrivere la scheda di affido.

Articolo 5 ‐ Decesso o smarrimento
Nel caso di decesso, o smarrimento dell’animale, l’affidatario dovrà darne tempestiva comunicazione (non oltre le 24 ore) al responsabile del servizio presso il comune. In caso di decesso avvenuto per morte violenta o per avvelenamento, l’affidatario dovrà immediatamente avvertire anche il servizio veterinario dell’ASL.

Articolo 6 ‐ Eventuale trasferimento di residenza dell’affidatario
In caso di cambio residenza dell’affidatario, quest’ultimo è obbligato a dare comunicazione al Comune di Gricignano di Aversa del nuovo domicilio e del Servizio Veterinario Azienda Sanitaria Locale in cui è ubicato.

Articolo 7 ‐ Istituzione della giornata degli amici dei cani
Il Comune di Gricignano di Aversa istituisce la Giornata degli amici dei cani perché riconosce il valore sociale dell’adozione dei cani abbandonati, randagi o comunque in cerca di casa, da parte di soggetti privati. Durante questa giornata saranno invitati tutti coloro che hanno preso cani in adozione dal Canile convenzionato, per ricevere un ringraziamento pubblico da parte dell’Amministrazione comunale.
Durante la giornata saranno organizzate iniziative per promuovere e valorizzare l’amicizia tra cani e persone.

Articolo 8 ‐ Pubblicita’ per l’adozione
Il Comune adotta tutte le forme di pubblicità (manifesti, volantini, mass-media, iniziative presso le scuole, manifestazioni, ecc...) per incentivare l’adozione dei cani ricoverati.

ALLEGATIScarica il regolamento in pdf per vedere gli allegati