Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso. Per ulteriori informazioni riguardanti anche la modalità di modifica delle impostazioni dei cookie, leggi la nostra Informativa sulla privacy

2015 schede

2015 rassegna

2015 denunciare

2015 prontuario

Dona il tuo 5x1000 a Feder F.I.D.A. Onlus
Stampa

EUROPA - Dir. CE n. 1999/22 ("custodia animali selvatici nei giardini zoologici")

ue(Direttiva1999/22/CE del 29 marzo 1999, relativa alla custodia degli animali selvatici nei giardini zoologici).

IL CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA
(omissis)*

Ha adottato la seguente Direttiva:

Articolo 1
Obiettivi
La presente direttiva ha lo scopo di proteggere la fauna selvatica e di salvaguardare la biodiversità prevedendo che gli Stati membri adottino misure in materia di licenze e ispezioni dei giardini zoologici nella Comunità, poten- ziando così il ruolo dei giardini zoologici in fatto di conservazione della biodiversità.

Articolo 2
Definizione
Ai fini della presente direttiva, per giardino zoologico si intende qualsiasi complesso permanente nel quale vengono tenuti a scopo di esposizione, per almeno sette giorni l’anno, animali vivi di specie selvatiche ad esclu- sione dei circhi, dei negozi di animali da compagnia e dei complessi che gli Stati membri non assoggettano ai requi- siti della presente direttiva per il fatto che non espongono un numero significativo di animali o di specie e che tale esenzione non compromette gli obiettivi della presente direttiva.

Articolo 3
Requisiti applicabili ai giardini zoologici
Gli Stati membri adottano misure, a norma degli articoli 4, 5, 6 e 7 volte a garantire - partecipare a ricerche da cui risultino vantaggi per la conservazione delle specie e/o ad azioni di formazione nelle pertinenti tecniche di conservazione e/o a scambi di informazioni circa la conservazione delle specie e/o, se del caso, l’allevamento in cattività, il ripopolamento o la reintroduzione di specie nella vita selvatica;
- promuovere l’istruzione e la sensibilità del pubblico quanto alla conservazione della biodiversità, in parti- colare fornendo informazioni sulle specie esposte e sui loro habitat naturali;
- sistemare gli animali in condizioni volte a soddisfare le esigenze biologiche e di conservazione delle singole specie, in particolare provvedendo ad un arricchi- mento specifico delle zone recintate sotto il profilo della specie e mantenere un elevato livello qualitativo nella custodia degli animali grazie ad un vasto programma di trattamenti veterinari preventivi e cura- tivi e di alimentazione;
- impedire la fuga degli animali per evitare eventuali minacce ecologiche per le specie indigene ed impe- dire il diffondersi di parassiti provenienti dall’esterno;
- tenere registri aggiornati degli ospiti del giardino zoologico, per le singole specie.

Articolo 4
Licenze e ispezioni
1. Gli Stati membri adottano misure per il rilascio di licenze e l’ispezione dei giardini zoologici, esistenti e di futura creazione, al fine di garantire il rispetto dei requisiti di cui all’articolo 3.
2. Tutti i giardini zoologici devono disporre di una licenza entro quattro anni dall’entrata in vigore della presente direttiva ovvero, nel caso dei giardini zoologici nuovi, prima dell’apertura al pubblico.
3. Ciascuna licenza contiene condizioni volte a far osservare i requisiti di cui all’articolo 3. Il rispetto delle condizioni è soggetto a sorveglianza, tra l’altro mediante ispezioni regolari; vengono adottate misure appropriate volte a garantire tale rispetto.
4. Prima di concedere, negare, prorogare o modificare sensibilmente una licenza, viene svolta dalle autorità competenti degli Stati membri un’ispezione al fine di accertare se siano state rispettate o no le condizioni della licenza, sia quelle già esistenti che quelle proposte.
5. Se il giardino zoologico non ha una licenza a norma della presente direttiva o le condizioni della licenza non sono rispettate, il giardino zoologico o parte di esso:
a) viene chiuso al pubblico dall’autorità competente; e/o
b) si conforma ai requisiti imposti dall’autorità compe- tente per garantire che le condizioni della licenza siano rispettate.
In caso di mancata conformità a tali requisiti entro un termine appropriato non superiore a due anni stabilito dall’autorità competente, quest’ultima revoca o modifica la licenza e chiude il giardino zoologico o parte di esso.

Articolo 5
I requisiti per il rilascio della licenza di cui all’articolo 4 non si applicano quando uno Stato membro può dimo- strare, con prova considerata soddisfacente dalla Commis- sione, che l’obiettivo della presente direttiva, definito nell’articolo 1, e che i requisiti applicabili ai giardini zoologici, stabiliti nell’articolo 3, sono realizzati e costan- temente rispettati mediante un sistema di regolamenta- zione e registrazione. Un tale sistema dovrebbe, tra l’altro, contenere disposizioni relative all’ispezione ed alla chiu- sura dei giardini zoologici equivalenti a quelle di cui ai paragrafi 4 e 5 dell’articolo 4.

Articolo 6
Chiusura di giardini zoologici
Nel caso in cui un giardino zoologico o parte di essi sia chiuso, l’autorità competente accerta che gli animali inte- ressati vengano trattati o rimossi in condizioni che lo Stato membro reputa appropriata e conformi alle finalità e alle disposizioni della presente direttiva.

Articolo 7
Autorità competenti
Gli Stati membri designano le autorità competenti ai fini della presente direttiva.

Articolo 8
Sanzioni
Gli Stati membri stabiliscono le sanzioni applicabili in caso di infrazione alle disposizioni nazionali adottate in base alla presente direttiva. Le sanzioni stabilite sono effi- caci, proporzionate e dissuasive.

Articolo 9
Attuazione
1. Gli Stati membri mettono in vigore le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative necessarie per conformarsi alla presente direttiva entro il 9 aprile 2002. Essi ne informano immediatamente la Commissione.
Quando gli Stati membri adottano tali disposizioni, queste contengono un riferimento alla presente direttiva o sono corredate di siffatto riferimento all’atto della pubbli- cazione ufficiale. Le modalità di tale riferimento sono decise dagli Stati membri.
2. Gli Stati membri comunicano alla Commissione il testo delle principali disposizioni di diritto interno che essi adottano nel settore disciplinato dalla presente diret- tiva.

Articolo 10
Entrata in vigore
La presente direttiva entra in vigore il giorno della pubbli- cazione nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee.

Articolo 11
Gli Stati membri sono destinatari della presente direttiva.

 


 

NOTE:
(*)
visto il trattato che istituisce la Comunità europea, in particolare l’articolo 130 S, paragrafo 1,
vista la proposta della Commissione,
visto il parere del Comitato economico e sociale (1),
deliberando secondo la procedura di cui all’articolo 189 C del trattato (2),
considerando che il regolamento (CE) n. 338/97 del Consiglio, del 9 dicembre 1996, relativo alla protezione di specie della flora e della fauna selvatiche mediante il controllo del loro commercio (3), richiede che sia dimo- strata la disponibilità di adeguati impianti per la sistema- zione e il mantenimento di esemplari viventi di un gran numero di specie prima che ne sia permessa l’importa- zione nella Comunità; che esso vieta inoltre l’esposizione al pubblico per scopi commerciali delle specie elencate nell’allegato A, salvo deroga specifica accordata per fini didattici, di ricerca o di allevamento;
considerando che la direttiva 79/409/CEE del Consiglio, del 2 aprile 1979, concernente la conservazione degli uccelli selvatici (4), e la direttiva 92/43/CEE del Consiglio, del 21 maggio 1992, relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche (5), vietano la cattura, il possesso e il commercio di un gran numero di specie, ma ammettono deroghe per motivi specifici, ad esempio per fini didattici e di ricerca, di ripopolamento, di reintroduzione e di allevamento;
considerando che la corretta applicazione della normativa comunitaria presente e futura sulla conservazione della fauna selvatica e l’esigenza che i giardini zoologici svol- gano adeguatamente il loro importante ruolo nell’ambito della conservazione delle specie, dell’istruzione pubblica e/o della ricerca scientifica rendono necessaria una base comune per la normativa degli Stati membri in merito al rilascio di licenze e all’ispezione dei giardini zoologici, alla custodia degli animali in dette strutture, alla forma- zione del personale e all’istruzione dei visitatori;
considerando che occorre un’azione sul piano comuni- tario affinché i giardini zoologici, in tutta la Comunità, contribuiscano alla salvaguardia della biodiversità, seguono gli obblighi di adottare misure per la conserva- zion ex situ assunti a norma dell’articolo 9 della conven- zione sulla diversità biologica;
considerando che numerose organizzazioni, quali l’Asso- ciazione europea dei giardini zoologici e degli acquari, hanno elaborato orientamenti per il mantenimento e la sistemazione degli animali nei giardini zoologici che potrebbero servire, se del caso, per l’elaborazione e l’ado- zione di norme nazionali,
(1) GU C 204 del 15.7.1996, pag. 63.
(2) Parere del Parlamento europeo del 29 gennaio 1998 (GU C 56
del 23.2.1998, pag. 34). Posizione comune del Consiglio del 20 luglio 1998 (GU C 364 del 25.11.1998, pag. 9) e decisione del Parlamento europeo del 10 febbraio 1999 (non ancora pubbli- cata nella Gazzetta ufficiale).
(3) GU L 61 del 3.3.1997, pag. 1. Regolamento modificato da ultimo dal regolamento (CE) n. 2307/97 della Commissione (GU L 325 del 27.11.1997, pag. 1).
(4) GU L 103 del 25.4.1979, pag. 1. Direttiva modificata da ultimo dalla direttiva 97/49/CE della Commissione (GU L 223 del 13.8.1997, pag. 9).
(5) GU L 206 del 22.7.1992, pag. 7. Direttiva modificata da ultimo dalla direttiva 97/62/CE della Commissione (GU L 305 dell’8.11.1997, pag. 42).