Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso. Per ulteriori informazioni riguardanti anche la modalità di modifica delle impostazioni dei cookie, leggi la nostra Informativa sulla privacy

2015 schede

2015 rassegna

2015 denunciare

2015 prontuario

Dona il tuo 5x1000 a Feder F.I.D.A. Onlus
Stampa

ITALIA - Cassazione n. 46291/2003 ("Prende a calci cane per futili motivi. Colpevole reato art. 727 Codice Penale")

italia(Sentenza della Corte di Cassazione, III° Sez. Penale, n. 46291 del dicembre 2003).

Prendere a calci un cane per futili motivi è reato, in quanto anche gli animali sono esseri dotati di sensibilità e devono essere trattati con umanità. Da cui, condanna per il reato di maltrattamento di animali inflitta ad un uomo che aveva preso a calci il cane di una signora per attirare l'attenzione di quest'ultima. Per il reato di maltrattamento non è richiesta la lesione fisica all'animale, essendo sufficiente una sofferenza, in quanto la norma mira a tutelare gli animali quali esseri viventi capaci di percepire con dolore comportamenti non ispirati a simpatia, compassione ed umanità.

SENTENZA

FATTO E DIRITTO

Il Tribunale di Lipari, con sentenza del 2/7/2002, ha condannato L. G. alla pena di 5 mila Euro di ammenda, per violazione dell’art. 727 c.p. [1], avendo incrudelito contro un cane con calci senza alcuna giustificazione.

Ha proposto ricorso per Cassazione l’imputato deducendo violazione di legge ed erronea motivazione sotto vari profili: mancanza di presupposti considerato che al cane fu dato un semplice calcetto; mancanza di prove, non essendo sufficienti le dichiarazioni della proprietaria dell’animale; non imputabilità per essere l’agente in condizioni di squilibrio mentale; eccessività della pena; mancata concessione dei benefici di legge.
I motivi di ricorso sono non solo generici, ma manifestamente infondati.

Il fatto non è contestato.

La dettagliata deposizione della persona offesa, ritenuta credibile, ha riferito di più calci all’animale, inferti volontariamente e senza alcuna necessità.
Nella contravvenzione di cui all’art. 727 Cod. Pen. non è richiesta la lesione fisica all’animale, essendo sufficiente una sofferenza, poiché la norma mira a tutelare gli animali quali esseri viventi capaci di percepire con dolore comportamenti non ispirati a simpatia, compassione ed umiltà.
L’imputato incrudeliva contro il cane per costringere la padrona dell’animale a farsi vedere, dimostrando la natura futile del suo comportamento doloso.
Secondo l’incensurabile valutazione del giudice di merito il comportamento dell’imputato fu libero, sicchè non ,si palesava la necessità di una perizia psichiatrica, peraltro non richiesta.
Anche sulla pena, peraltro non eccessiva per la gravità dell’episodio , esiste congrua motivazione.
È noto, infine, che i benefici di legge rientrano nella facoltà discrezionale del giudice di merito.

PQM

La Corte, dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali d al versamento di 500 Euro alla Cassa delle Ammende.

Roma, 16/10/2003.
Depositata in Cancelleria il 3 dicembre 2003.