Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso. Per ulteriori informazioni riguardanti anche la modalità di modifica delle impostazioni dei cookie, leggi la nostra Informativa sulla privacy

2015 schede

2015 rassegna

2015 denunciare

2015 prontuario

Dona il tuo 5x1000 a Feder F.I.D.A. Onlus
Stampa

EMILIA-ROMAGNA, nuovo "divieto di detenere cani a catena", ma...

Emilia RomagnaIl 26 marzo 2013 la regione Emilia-Romagna ha approvato una serie di modifiche alla propria Legge a tutela degli animali (la LR n.5/2005) e anche a quella relativa alla caccia (LR n. 8/1994) e in tanti hanno esultato dopo la diffusione della notizia che, a seguito di tali modifiche, ora in Emilia-Romagna sia "vietato detenere cani a catena". Ciò è vero, ma solo in parte perché è bene sapere che:

  • il divieto di catena è sancito, ma con deroghe possibili in caso di "misure urgenti e solo temporanee di sicurezza".
  • Il commercio di animali non obbliga i commercianti a chiedere ad alcuna autorizzazione preventiva, prevedendo solo controlli successivi da parte delle autorità, in corso di esercizio.
  • Il co-finanziamento a enti locali per canili e altri ricoveri non è stato accettato. Motivazione ufficiale: mancanza di co-finanziamento comunale a causa del periodo di crisi, non assenza di volontà della Regione.
  • E' stato riconosciuto ai pazienti ricoverati in ospedale il diritto di essere visitati dal proprio animale d'affezione - sebbene solo in alcune strutture e a certe condizioni.
Per essere correttamente informati, leggete il testo della legge e tutti i riferimenti necessari.