Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso. Per ulteriori informazioni riguardanti anche la modalità di modifica delle impostazioni dei cookie, leggi la nostra Informativa sulla privacy

2015 schede

2015 rassegna

2015 denunciare

2015 prontuario

Dona il tuo 5x1000 a Feder F.I.D.A. Onlus
Stampa

La procura chiede l’archiviazione per il caso del cane Kaos

La morte del pastore tedesco Kaos di 3 anni e mezzo, che faceva parte del nucleo cinofilo dell’associazione di volontariato Pivec, è stata del tutto accidentale seppur per “colpa” della mano dell’uomo. Il sostituto procuratore dell’Aquila, Guido Cocco, all’esito delle laboriose indagini, mai portate avanti in maniera così attenta per fatti analoghi all’Aquila e nel suo circondario, da parte del Nucleo investigativo di polizia ambientale e forestale della Forestale (Nipaf) del capoluogo della Regione Abruzzo, ha chiesto di archiviare la vicenda che aveva portato anche la politica nazionale a prendere posizione sul caso dell’avvelenamento da lumachicida del cane da soccorso. Avvelenamento accaduto a fine luglio scorso nei pressi dell’abitazione di Fabiano Ettorre, proprietario del cane, nel Comune di Sant’Eusanio Forconese. La morte per avvelenamento del cane-eroe era stata denunciata su Facebook da Ettorre, un post che aveva portato la Procura a dissotterrare l’animale per effettuare l’autopsia.  

Una vicenda che si era arricchita tra le altre cose di un esposto da parte di Ettorre per un furto subito nella propria abitazione e scoperto dopo qualche tempo che l’indagine sulla morte del cane aveva preso le mosse. Di qui, da parte del sostituto procuratore della Repubblica Guido Cocco, l’apertura di un fascicolo contro ignoti in cui sono stati ipotizzati i reati di uccisione, maltrattamento di animale e furto.  

Le indagini del Nipaf hanno ruotato a 360 gradi con tanto di sopralluoghi sul luogo del ritrovamento dell’animale e di audizione di persone informate dei fatti in relazione sia alla vendita del veleno, comunque libera, ma anche di eventuali attriti tra lo stesso proprietario del cane con vicini di casa o altre persone del piccolo Comune che avrebbero potuto spingere qualcuno a vendicarsi avvelenando il pastore tedesco. Alla fine, non essendo venute a galla prove che potessero supportare la tesi del dolo (tra testimonianze e videoriprese), e il particolare che la sostanza ritenuta letale per l’animale è di libera vendita, hanno indotto il titolare dell’inchiesta a firmare la richiesta di archiviazione.  

Nella vicenda giudiziaria oltre al proprietario del cane, Fabiano Ettorre, si era costituita anche la Onlus degli Animalisti Italiani. L’associazione avevano chiesto di poter partecipare con suoi consulenti agli accertamenti tecnici portati avanti dell’Istituto Zooprofilattico di Teramo ma per il sostituto Cocco a tale onlus, secondo pronunciamenti della Cassazione, non può essere riconosciuto il ruolo di parte offesa.