Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso. Per ulteriori informazioni riguardanti anche la modalità di modifica delle impostazioni dei cookie, leggi la nostra Informativa sulla privacy

2015 schede

2015 rassegna

2015 denunciare

2015 prontuario

Dona il tuo 5x1000 a Feder F.I.D.A. Onlus
Stampa

GIULIANOVA (TE) - Reg. del 9.06.2007 (Reg. comunale tutela e benessere popolazione canina)

GiulianovaART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO
1. Il presente regolamento detta norme finalizzate a tutelare la serenità della convivenza tra l'uomo e la popolazione canina domestica e a prevenire gli inconvenienti che il non corretto comportamento degli accompagnatori potrebbe provocare nelle aree pubbli- che, di uso pubblico e/o aperte al pubblico, in merito all'igiene, alla pulizia, al decoro, alla sicurezza e all'incolumità di chi le frequenta.
2. Il medesimo regolamento è finalizzato a tutelare il benessere della popolazione canina domestica presente nel territorio di Giulianova.

ART. 2 PRINCIPI GENERALI
1. Chiunque detenga un cane o accetti di occuparsene è responsabile dei danni cagionati dall'animale, sia che fosse sotto la sua custodia, sia che fosse smarrito o fuggito.
2. Chiunque detenga un cane o accetti di occuparsene è responsabile della sua salute, della sua riproduzione e del benessere della eventuale cucciolata.

ART. 3 AMBITO D'APPLICAZIONE E DEFINIZIONI
1. Le norme del presente regolamento si applicano sulle aree pubbliche, di uso pubblico e/o comunque aperte al pubblico, salva diversa esplicita indicazione.
2. Alcunenormedelpresenteregolamentosiapplicanoanchenelleareeprivate.
3. A titolo meramente esemplificativo sono considerate aree pubbliche e/o d'uso pubblico: le strade e le piazze, le banchine stradali, i marciapiedi, le aree destinate a parcheggio, i portici, le aree verdi destinate a giardino e/o parco pubblico, i percorsi pedonali e/o ciclabili, la viabilità rurale di pubblico passaggio, le aree di pertinenza degli edifici pubblici ed ogni altra area su cui hanno libero ed indiscriminato accesso i cittadini.
4. Ai sensi del presente regolamento si definisce come accompagnatore la persona fisica che, a qualsiasi titolo, ha in custodia, anche temporanea, uno o più cani, anche se non regolarmente registrati ai sensi della normativa vigente, durante il loro transito o per- manenza su un'area di cui al comma 1.

ART. 4 RACCOLTA DELLE DEIEZIONI

1. Sulle aree pubbliche, di uso pubblico e/o comunque aperte al pubblico, di cui al precedente art. 3, gli accompagnatori sono sempre tenuti:a) alla totale asportazione delle deiezioni solide lasciate dai cani con successivo smal- timento nei contenitori destinati alla raccolta dei rifiuti urbani;b) a fare uso per l'asportazione di idonei raccoglitori (che devono avere immediatamente disponibili al seguito), possibilmente di materiale plastico impermeabile.
2. Chiunque viola le disposizioni previste al comma 1 lettera a) del presente articolo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 100,00 (cento/00) a euro 300 (trecento/00) oltre all'asportazione delle deiezioni solide precitate; qualora il trasgressore non ottemperi all'invito di asportare le deiezioni solide sarà ulteriormente soggetto ad una sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 500,00 (cinquecento/00) a euro 1.500,00 (millecinquecento/00).
3. Chiunque viola le disposizioni previste al comma 1 lettera b) del presente articolo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 100,00 (cento/00) a euro 3000,00 (trecento/00).
4. Sono esclusi dalla presente normativa i cani che accompagnano soggetti non vedenti.

ART. 5 MUSERUOLE E GUINZAGLI
1. Sulle aree pubbliche, di uso pubblico e/o comunque aperte al pubblico, di cui al precedente art. 3, gli accompagnatori sono sempre tenuti ad applicare la museruola o il guinzaglio.
2. Per i cani condotti nei locali pubblici e sui mezzi di trasporto pubblici è sempre ob- bligatorio applicare sia la museruola che il guinzaglio.
3. I proprietari e i detentori di cani a rischio di aggressività devono sempre applicare sia il guinzaglio che la museruola agli animali quando gli stessi si trovano in un qualsiasi luogo pubblico o aperto al pubblico.
4. Sono esenti dall'uso del guinzaglio e/o della museruola i cani pastori quando vengono utilizzati per la guardia di greggi e mandrie.
5. I cani, anche se muniti di museruola e di guinzaglio, devono essere sempre accom- pagnati sulle aree pubbliche, di uso pubblico e/o comunque aperte al pubblico, da una persona fisica.
6. Chiunque viola le disposizioni di cui sopra è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 100,00 (cento/00) a euro 300,00 (trecento/00).
7. L'importo di tale sanzione è raddoppiato se la violazione viene commessa da proprietari o detentori di cani appartenenti alle razze a rischio individuate dall'ordinanza del ministero della salute del 12/12/2006 o dai proprietari degli specifici animali pericolosi individuati dall'art. 8.

ART. 6 DETENZIONE DEI CANI ALL'INTERNO DI CORTILI E/O GIARDINI PRIVATI
1. E’ fatto divieto di detenerei cani inspazi angusti, privi dell'acqua e del cibo necessarie non provvedere alla periodica pulizia degli ambiti.
2. E’ fatto divieto di detenere cani in luoghi sprovvisti di un idoneo riparo coperto e rialzato dal suolo ove gli animali possano proteggersi dalle intemperie, dal freddo e/o dal sole diretto.
3. I cani, se non alla catena, devono essere tenuti all'interno di una area delimitata con una rete metallica o una cancellata avente una altezza dal fondo di calpestio pari almeno al doppio dell'altezza del cane; la superficie dell'eventuale specifico recinto costruito per custodire l'animale deve avere una base di misura non inferiore all'altezza del cane moltiplicato per 25, ogni animale in più comporta un aumento del 50% di tale misura.
4. Larete,e/olacancellata,deveaverelecaratteristichecitatepertuttalasualunghezza, non deve essere facilmente scavalcabile e avere una consistenza e una trama tale da non permettere la fuoriuscita del muso dell'animale.
5. L'eventuale catena deve avere una robustezza e una misura adeguata oltre a possedere un solido ancoraggio, proporzionato alla mole dell'animale.
6. La libertà di movimento dell'animale deve corrispondere alla lunghezza minima della catena.Gli animali che sono tenuti alla catena devono sempre poter raggiungere il riparo e la ciotola dell'acqua e del cibo.
7. In ogni caso i cani alla catena non possono raggiungere, in autonomia, un'area pubblica o di uso pubblico ovvero la proprietà privata di un terzo.
8. All'interno delle proprietà private, indipendentemente dalle dimensioni delle stesse, se queste non sono adeguatamente delimitate, i cani non possono essere tenuti senza guinzaglio, ovvero senza catena, ad eccezione degli animali utilizzati nell'esercizio venatorio, nella ricerca dei tartufi e di quelli accompagnati; in ogni caso l'accompagnatore deve potere, in qualunque momento, controllarne i movimenti.
9. I possessori dei cani che con il loro abbaiare, guaire, ululare o latrare disturbano in modo insistente e inequivocabile il vicinato sono soggetti alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 30,00 (trenta/00) a euro 90,00 (novanta/00).
10. Chiunque viola le altre disposizioni previste dal presente articolo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 50,00 (cinquanta/00) a euro 150,00 (centocinquanta/00) fatta salva la possibilità per il sindaco di emettere ulteriori e necessari provvedimenti.

ART. 7 PARTICOLARI SITUAZIONI
1. E’ fatto divieto di introdurre cani, anche al guinzaglio e con la museruola, in bar, ristoranti e simili, pubblici esercizi e negozi. Sono esentati da questo divieto gli esercenti che intendano ammettere gli animali, nel rispetto della normativa igienica, purché tale facoltà sia ben pubblicizzata all'ingresso del locale per darne adeguata notizia a tutti i frequentatori del locale.
2. E’ vietato trasportare o far stazionare i cani segregati nei bauli chiusi delle auto o farli stazionare all'interno dell'abitacolo dei veicoli a motore esposti al sole.
3. E’ vietato condurre nelle aree pubbliche, di uso pubblico e/o comunque aperte al pubblico i cani femmina durante l'estro.
4. E’ vietato condurre cani al guinzaglio con l'accompagnatore che guida un veicolo a motore.
5. Sono vietati gli interventi chirurgici destinati a modificare l'aspetto di un cane senza scopi veterinari e in particolare è vietato il taglio della coda, delle orecchie e delle corde vocali.
6. E’ altresì vietato l'addestramento coercitivo dell'animale con uso di strumenti elettrici.
7. Chiunque viola le disposizioni previste ai commi 1 e 3 del presente articolo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 25,00 (venticinque/00) a euro 75,00 (settantacinque/00).
8. Chiunque viola le disposizioni previste ai commi 2, 4, 5 e 6 del presente articolo è soggetto, salvo che il fatto non costituisca reato, alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 100,00 (cento/00) a euro 300,00 (trecento/00).
9. In deroga alle diverse previsioni locali, è ammesso, in genere, per i parchi e i giardini pubblici con più ingressi, il transito al guinzaglio dei cani sui camminamenti pavimentati. Durante l'attraversamento il conduttore dovrà garantire la costante presenza o prossimità dell'animale sul camminamento.

ART. 8 TUTELE DALL'AGGRESSIVITÀ ESALTATA DEI CANI
1. Per predeterminate razze canine ad aggressività esaltata si applica l'ordinanza del ministero della salute del 12/12/2006 che prevede particolari oneri e divieti per la corretta detenzione di questi animali; in particolare:
a) coloro che non stipulano una polizza di assicurazione di responsabilità civile per i danni causati dal proprio cane contro terzi soggiacciono alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 50,00 (cinquanta/00) ad euro 150,00 (centocinquanta/00);
b) coloro che, nonostante il divieto stabilito nell'ordinanza ministeriale, detengano o a qualunque titolo accompagnino uno dei cani vietati soggiacciono alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 200,00 (duecento/00) ad euro 600,00 (seicento/00).

ART. 9 CENSIMENTO LOCALE DEI CANI PERICOLOSI
1. Si definisce cane con aggressività non controllata quel soggetto che, non provocato, lede o minaccia l'integrità fisica di una persona o di altri animali attraverso un comportamento aggressivo non controllato dal detentore dell'animale.
2. Il comune istituirà un elenco dei cani morsicatori e dei cani con aggressività non controllata rilevati nonché dei cani ad aggressività esaltata di cui all'art. 8 da comunicare periodicamente aggiornato ai servizi veterinari e agli organi di polizia.
3. L'autorità sanitaria competente, in collaborazione con I'AsI potrà stabilire:a) i criteri per la classificazione del rischio derivante da cani pericolosi e i parametri di rilevazione;b) i percorsi di controllo e rieducazione per la prevenzione delle morsicature e le pre- scrizioni atte a controllare e limitare il rischio di aggressione;c) l'obbligo per i proprietari di cani pericolosi di stipulare una polizza assicurativa per la responsabilità civile.

ART. 10 NORME DI CHIUSURA
1. L'Ufficio competente alla tenuta dell’anagrafe canina del comune comunica alla polizia locale, almeno ogni 6 mesi, l'elenco dei possessori dei cani individuati dall'ordinanza ministeriale di cui al comma 1 dell'articolo 8 e quello dei cani pericolosi di cui all'art. 9; la polizia locale effettua periodicamente dei sopralluoghi a campione per verificare il rispetto del presente regolamento presso i luoghi dove tali animali sono custoditi.

ART. 11 VIGILANZA
1. II controllo del rispetto delle indicazioni previste dal presente regolamento spetta a tutti gli organi di vigilanza individuati dalla legge. Possono effettuare controlli in materia anche gli organi di vigilanza volontaria muniti di specifico potere di accertamento in materia ambientale e di qualifica di guardia particolare giurata.L'amministrazione comunale ha facoltà di individuare ulteriori organi deputati al controllo e alla vigilanza ma in tal caso occorrerà una specifica individuazione dei poteri e delle facoltà degli agenti preposti.

ART. 12 NORMATIVA DI RINVIO
Coloro che risultano, alla data di approvazione del presente regolamento, pro- prietari e/o detentori di cani in cortili o giardini od altre aree private all'aperto devono adeguare le reti di recinzione, ovvero le cancellate, a quanto prescritto dall'articolo 6 entro 12 mesi dall'entrata in vigore dello stesso, fatto salvo altro termine imposto con ordinanza del sindaco per singoli casi.In deroga a quanto previsto al comma 1 coloro che risultano, alla data di approvazione del presente regolamento, proprietari e/o detentori di cani in cortili o giardini od altre aree private all'aperto possono non adeguare le reti di recinzione, ovvero le cancel- late, a quanto prescritto dall'articolo 6 assumendosi una presunzione di responsabilità per malgoverno di animali nel caso di fuga del cane non avendo applicato tutte le cautele del caso, fatta salva la possibilità per il sindaco di emettere apposita specifica ordinanza a tutela della pubblica incolumità.In ogni caso coloro che risultano, alla data di approvazione del presente regolamento, proprietari e/o detentori di cani individuati nell'ordinanza ministeriale di cui al comma 1 dell'articolo 8 devono adeguare le reti di recinzione, ovvero le cancellate dei cortili o giardini o delle altre aree private all'aperto, ove tali animali sono custoditi, a quanto prescritto all'articolo 6 entro sei mesi dall'entrata in vigore dello stesso, fatto salvo altro termine imposto con ordinanza del sindaco per singoli casi. Coloro che dopo che è entrato in vigore il presente regolamento acquistano o deten- gano un cane devono adeguare le reti di recinzione, ovvero le cancellate dei cortili o giardini o delle altre aree private all'aperto ove tali animali sono custoditi, a quanto prescritto all'articolo 6 prima che il cane sia acquistato o detenuto.

ART. 13 ENTRATA IN VIGORE
II presente regolamento entra in vigore il primo giorno del mese successivo alla sua ripubblicazione all'albo pretorio da effettuarsi dopo la deliberazione di approvazione da parte del consiglio comunale.