Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso. Per ulteriori informazioni riguardanti anche la modalità di modifica delle impostazioni dei cookie, leggi la nostra Informativa sulla privacy

2015 schede

2015 rassegna

2015 denunciare

2015 prontuario

Dona il tuo 5x1000 a Feder F.I.D.A. Onlus
Stampa

SASSARI - Reg. del 12.02.2008 ("tutela del verde, con articoli inerenti gli animali")

comune di sassari(Regolamento per la tutela del verde - inclusi articoli inerenti gli animali - del comune di Sassari. Approvato con Delib. di C.C. n. 15 del 12/02/2008. Sito ufficiale del comune).

NOTAAll'interno di questo regolamento, che suggeriamo di leggere in ogni caso integralmente, le parti inerenti gli animali sono evidenziate in grassetto.

Regolamento per la Tutela del verde del comune di Sassari

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Articolo 1 - Oggetto e finalità del regolamento
1. L’Amministrazione comunale, riconosce l’importanza vitale che il patrimonio vegetale riveste ai fini ecologici, paesaggistici, culturali e storici nelle aree urbane.
2. Con il presente regolamento si intende favorire la tutela, la salvaguardia, il miglioramento e l’incremento del patrimonio vegetale nelle aree del territorio comunale.
3. Al fine di preservare le aree verdi, la vegetazione arborea ed arbustiva vengono stabilite nel presente documento le norme atte a garantire e a tutelare la protezione e la razionale gestione di tutto il patrimonio vegetale cittadino.

Articolo 2 - Richiamo alle disposizioni di legge e di regolamento
1. Gli interventi che riguardano le opere a verde devono rispettare oltre che le norme del presente regolamento, anche le disposizioni contenute nelle leggi e nei regolamenti della Repubblica Italiana e della Regione Sardegna e nei regolamenti specifici comunali (regolamento edilizio etc.).

Articolo 3 - Ambito di applicazione
1. Il presente regolamento si applica su tutto il patrimonio arboreo, arbustivo ed erbaceo presente nelle aiuole, nei giardini, nei parchi, lungo le strade, le aree verdi di edifici scolastici e culturali, nelle abitazioni di proprietà comunale, nei cimiteri e nelle aree private sistemate a verde.
2. Non sono oggetto di tutela del presente regolamento, indipendentemente dalla loro ubicazione, gli alberi da frutto e gli alberi costituenti colture arboree specializzate con finalità produttive (arboricoltura da legno).
3. Di seguito sono riportate le diverse tipologie di aree verdi e le relative indicazioni di fruizione e gestione.
Parchi e giardini storici, parchi di interesse artistico e storico
Sono considerati parchi e giardini storici, le aree verdi che hanno assunto particolare significato culturale per la città, e comunque tutti i parchi e giardini di età superiore a 40 anni.
4. Sono definiti beni culturali, ai sensi dell’art. 10, comma f del D. Lgs. 42/2004 (codice dei beni culturali e del paesaggio) i parchi e i giardini che abbiano interesse artistico e storico.
Parchi urbani e giardini di nuova formazione
Sono considerati parchi urbani e giardini di nuova formazione tutte le aree verdi destinate alla fruizione pubblica e non, in cui siano riconoscibili i criteri che hanno presieduto alla loro progettazione e la precisa disposizione d’uso.
Viali alberati e verde urbano
Sono considerate viali alberati e verde urbano le alberature a corredo di percorsi ciclo-pedonali e strade carrabili, le formazioni vegetali e le aree verdi non fruibili.
Verde di servizio
Il verde di servizio è costituito dalle aree verdi a servizio di attrezzature pubbliche e collettive, la cui fruizione è funzionale alle attività svolte all’interno della struttura. Il piano del verde potrà prevedere l’apertura alla fruizione pubblica di alcune aree verdi di servizio.
Alberature monumentali
Sono considerate alberature monumentali i complessi vegetali secolari, le alberature con una circonferenza del tronco di almeno cm 80 misurata a 100 cm da terra: il piano del verde potrà inserire in questa categoria complessi arborei di valore botanico, naturalistico, architettonico, storico e monumentale.
Verde agricolo
Il verde agricolo è costituito dalle aree utilizzate per la produzione agricola (esclusi allevamenti ed industrie di trasformazione ed i vivai per la produzione di piante ornamentali), compresa la forestazione produttiva, il bosco ceduo e gli orti urbani.
Boschi ed aree naturali
I territori coperti da foreste e da boschi, ancorché percorsi o danneggiati dal fuoco, e quelli sottoposti a vincolo di rimboschimento, sono aree tutelate per legge ai sensi dell’art. 132 del D. Lgs. 42/2004 (codice dei beni culturali e del paesaggio).
Verde privato
Il verde privato comprende tutte le aree verdi di proprietà privata ad uso privato e i giardini e parchi privati, le aree verdi condominiali e le aree verdi di edifici non aperti al pubblico (industrie, sedi commerciali, ecc.).
Verde privato ad uso pubblico
Il verde privato ad uso pubblico comprende tutte le aree verdi di proprietà privata con uso pubblico e non comprese negli elenchi delle categorie sopra citate. Appartengono a questa categoria le aree verdi di scuole e cliniche private, congregazioni religiose, strutture ricettive, impianti sportivi ed aree ricreative private.

Articolo 4 - Funzioni dell’Amministrazione pubblica
1. L’Amministrazione comunale garantisce la gestione, in economia o in appalto, delle aree verdi pubbliche e delle alberature inserite in ambito urbano, con lo scopo di massimizzarne la funzione estetica, ricreativa, paesaggistica ed igienico - sanitaria.

Articolo 5 - Normativa di riferimento
1. Riferimenti legislativi nazionali, regionali
Le formazioni boschive sono regolamentate dalla legge R.D. 3267/23, dal piano forestale ambientale regionale, dalle prescrizioni di massima e di polizia forestale -P.M.P.F- (decreto dell’Assessore della Difesa dell’Ambiente n. 24/CFVA del 23 agosto 2006).
Il Codice civile, agli articoli 892 e seguenti stabilisce le distanze e le dimensioni massime che la vegetazione può raggiungere in funzione della prossimità ai confini di proprietà: tali articoli si intendono richiamati e confermati nel presente regolamento.
Il Codice della strada (D.L. n. 285 del 30 aprile 1992 e s.m.i.) ed il relativo regolamento di attuazione (stabilisce all’articolo 29 l’obbligo per i proprietari confinanti di mantenere le siepi e la vegetazione latistante le strade entro i confini stradali, e la loro responsabilità in caso di danneggiamenti; all’articolo 31 la manutenzione obbligatoria e la responsabilità di danneggiamenti è estesa alle ripe confinanti con sedi stradali.
Il Regolamento di esecuzione ed attuazione del Codice della strada
(D.P.R. n. 495 del 16 dicembre 1992), agli articoli 26-27-28 stabilisce le fasce di rispetto per l’impianto siepi vive e piantagioni rispetto al confine stradale.
Tali articoli si intendono richiamati e confermati nel presente regolamento.
Il Decreto Presidente della Repubblica n. 753 del 17 luglio 1980 stabilisce le distanze e le dimensioni massime che la vegetazione può raggiungere in funzione della prossimità alle ferrovie.
La legge n. 113 del 29 gennaio 1992 prescrive e finanzia nuovi impianti a verde pubblico per tutti i comuni italiani per la messa a dimora di un albero per ogni neonato residente.
Il Piano paesaggistico regionale (approvato con decreto del Presidente della Regione del 7/09/2006, n. 82), nel titolo I – assetto ambientale - individua i beni paesaggistici tra i quali sono ricompresi i monumenti naturali e gli alberi monumentali indicandone le misure di tutela e di valorizzazione.

Articolo 6 - Indirizzi ed usi del verde
1. Funzioni del verde
Il verde è una componente fondamentale del territorio che assolve a funzioni igienico - sanitarie di riequilibrio bioclimatico, di rigenerazione della qualità dell’aria e del suolo attraverso la fotosintesi e la trasformazione di elementi chimici e sostanza organica, nonché di creazione di ambienti per le attività ricreative all’aria aperta e per l’aggregazione sociale.
2. Usi compatibili
In tutte le aree verdi sono consentiti solo usi che non compromettano la conservazione della vegetazione esistente. E’ da escludersi il transito di mezzi meccanici non di servizio, nonché attività o transiti che danneggino, in maniera anche permanente, la vegetazione.
Il Sindaco può autorizzare utilizzazioni ed usi non compatibili, secondo le indicazioni del comma precedente, se accompagnate da opere di ripristino o miglioramento dell’assetto generale della vegetazione.
3. Localizzazione delle aree verdi e pianificazione urbanistica
La realizzazione di aree verdi, secondo diverse caratteristiche e necessità, deve essere preceduta da uno studio di idoneità sia urbanistica che agronomica.
L’inserimento di un assetto vegetale deve essere compatibile con lo sviluppo delle zone urbanizzate per le quali deve essere supporto ed elemento di equilibrata alternativa; nello stesso tempo la disposizione deve essere tale che le essenze vegetali possano svilupparsi nel modo migliore.
Nella pianificazione urbanistica e nell’assetto viario dell’aggregato urbano, dovrà tenersi in massima considerazione la necessità di dotare l’impianto vegetale esistente o di nuovo impianto, di tutti quei servizi indispensabili alla sua conservazione e corretto uso. In particolare la dotazione di parcheggi, l’accessibilità progettata in modo che l’impianto costituisca sempre un percorso pedonale alternativo, illuminazione, dotazione di raccolta rifiuti e di fasce non di sosta per l’accesso di animali domestici.
4. Piano del verde
Il Piano del verde ha come obiettivo la definizione degli interventi sul verde pubblico per un periodo di tempo minimo di tre anni e massimo di dieci.
Il Piano predispone il sistema del verde pubblico utilizzando il censimento del patrimonio verde comunale, rispondendo alle esigenze e richieste connesse alla fruizione del verde; indica, inoltre, le modalità di gestione del verde pubblico e programma gli interventi con il fine di realizzare le previsioni urbanistiche,
con eventuali modifiche ed integrazioni suggerite emerse dal piano
stesso.

Articolo 7 - Censimento del patrimonio verde comunale
1. Allo scopo di programmare ed effettuare una razionale manutenzione del verde, l’Amministrazione comunale predispone un censimento, aggiornato ogni 5 anni, del patrimonio arboreo ed arbustivo pubblico, richiedendo l’apposizione del vincolo
ex-D. Lgs. 22 gennaio 2004 n. 42 e s.m. e i.
2. Il censimento dovrà essere redatto da professionista abilitato.
3. Il censimento descrive e cataloga gli elementi vegetali all’interno delle aree verdi secondo le caratteristiche formali, le condizioni vegetazionali e fitosanitarie; a tal scopo prevederà analisi specifiche su alberature campione per l’individuazione di patologie in corso.
4. Le schede di catalogazione degli elementi vegetali corrisponderanno
a planimetrie in scala adeguata per l’individuazione sul luogo degli
esemplari.

Articolo 8 - Competenze per la gestione, vigilanza e controllo delle aree verdi
1. La gestione del verde di proprietà pubblica, comprendente gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria è affidata al Settore ambiente e verde pubblico dell’Amministrazione comunale.
2. La verifica, la vigilanza ed il controllo di progettazione e costruzione del verde di proprietà pubblica sono affidati al Settore ambiente e verde pubblico dell’Amministrazione comunale.
3. La verifica della progettazione e della corretta esecuzione delle opere di costruzione del verde di proprietà privata è affidata al Settore ambiente e verde pubblico dell’Amministrazione comunale.
4. Il Settore ambiente e verde pubblico si avvarrà della collaborazione della Polizia Municipale per le attività di controllo.
5. Le opere indispensabili per una corretta gestione ed uso del patrimonio vegetale comunale devono rientrare in uno specifico capitolo di competenze: in particolare dovranno prevedersi idonee operazioni di manutenzione ordinaria, comprendenti le potature di essenze arboree ed arbustive, le concimazioni e le irrigazioni, e di manutenzione straordinaria comprendenti la potatura di formazione e di risanamento ed i diradamenti.

 

TITOLO II
DISCIPLINARE D’USO PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARBOREO E ARBUSTIVO

Articolo 9 - Autorizzazioni
1. A far data dall’approvazione del presente regolamento tutte le richieste di intervento relative alle manomissioni e ai relativi ripristini, da effettuarsi da parte di Società, di privati, oltre che dei Settori tecnici dell’Amministrazione, che coinvolgano il verde pubblico o i viali alberati devono essere approvate dal Settore ambiente e verde pubblico, che rilascerà l’autorizzazione alla manomissione per la parte di sua competenza.
2. Alla richiesta di manomissione e/o di occupazione dell’area verde o del viale alberato, dovrà essere allegata:
• una planimetria quotata, che individui le presenze vegetali entro una superficie che si estenda per almeno 20 metri oltre il limite dell’intervento;
• una relazione, redatta da un tecnico del verde (Dottore agronomo o forestale) che specifichi il numero complessivo dei soggetti arborei interessati, genere e specie botanica, l’ingombro del cantiere, la sua durata, il tipo di interventi che verranno eseguiti e le misure di salvaguardia adottate per preservare la vegetazione
presente;
• una dettagliata documentazione fotografica;
• in particolare, per i privati, la richiesta di manomissione dovrà contenere l’impegno, da parte del richiedente di indennizzare la città di tutti i danni eventualmente prodotti dall’intervento, oltre che ad effettuare l’intervento di ripristino del verde manomesso secondo le specifiche che saranno impartite dal Settore ambiente e verde pubblico;
• tutte le manomissioni dei privati, degli Enti o Società con notevole impatto sul sistema del verde o sulle alberate stradali, ad esclusivo giudizio del Settore ambiente e verde pubblico, dovranno essere garantite da adeguata cauzione che sarà versata mediante fidejussione bancaria o polizza fidejussoria rilasciata da una Società di assicurazioni.
3. Qualora i lavori vengano eseguiti da Amministrazioni pubbliche, il parere del Settore ambiente e verde pubblico sarà acquisito dalla stazione appaltante, sulla
progettazione definitiva. Il progettista dovrà tenere conto, in sede di elaborazione del
progetto esecutivo, delle prescrizioni del Settore ambiente e verde
pubblico.

Articolo 10 - Interventi di scavo in prossimità di aree sistemate a verde
1. Gli interventi di scavo, scasso o bitumatura su terreno pubblico da effettuarsi in prossimità del tronco degli alberi dovranno essere preventivamente sottoposti ad esame e relativo parere tecnico vincolante del Settore ambiente e verde pubblico, mediante la presentazione di una relazione tecnica in cui si specifichino:
• le generalità del richiedente;
• le motivazioni per cui si intende alterare o manomettere l’area;
• la durata dei lavori;
• le misure che si intendono adottare per la salvaguardia della vegetazione;
• l’esatto perimetro dell’area interessata dai lavori;
• l’esatta ubicazione della vegetazione presente da raffigurarsi su planimetria quotata e scala adeguata;
• l’esatta distanza dello scavo dal tronco degli alberi;
2. Tali operazioni dovranno essere condotte con la massima cura al fine di non recidere o ledere le radici principali o di creare condizioni di instabilità immediata e/o futura per le piante. Eventuali recisioni di radici dovranno essere eseguite con tagli netti, utilizzando motosega o cesoie; le superfici di taglio originatesi, dovranno essere immediatamente trattate con opportuni prodotti a base di Micorrize.
3. Viene fatto divieto in ogni caso di provocare “strappi” sulle radici o comunque di lesionare gli apparati radicali con ferite laceranti.
4. La distanza minima della luce netta di qualsiasi scavo dal filo del tronco non può essere inferiore a 3 metri per le piante di prima e di seconda grandezza e di m. 1,50 per gli alberi di terza grandezza e per gli arbusti.
5. Scavi a distanze inferiori possono essere autorizzati dal Settore ambiente e verde pubblico solo previa ispezione radicale con aria compressa. Il tutto dovrà essere documentato da relazione tecnica firmata da tecnico abilitato e documentazione fotografica che attesti l’assenza di radici in quel punto.
6. Per contro, il Settore ambiente e verde pubblico si riserva il diritto di imporre l’esecuzione degli scavi a distanze superiori in prossimità di esemplari arborei e arbustivi di notevole pregio botanico, paesaggistico e/o storico.

Articolo 11 - Allestimento di cantieri, pubblici e privati, su aree verdi e alberate
1. Nelle aree di cantiere è fatto obbligo di adottare tutti gli accorgimenti utili ad evitare il danneggiamento della vegetazione esistente. Tutti gli alberi presenti nell’ambito del cantiere devono essere protetti con una solida struttura che consenta di evitare danni al tronco, alla chioma e agli apparati radicali.
2. Nel caso di esemplari di particolare pregio o conformazione, potrà essere richiesta dal Settore competente l’interdizione del cantiere dalla superficie in corrispondenza alla proiezione della chioma sul terreno per mezzo di opportuna recinzione.
3. E’ fatto divieto in prossimità degli alberi e delle aiuole che li ospitano di:
• utilizzare pavimentazioni del tipo impermeabile, anche se solo temporaneamente;
• accatastare attrezzi, materiali di cantiere alla base delle piante di arbusti, in prossimità degli arredi;
• posizionare corpi illuminanti e cavi elettrici sulle alberature;
• affiggere cartelli e simili con chiodi e fili di ferro, sui tronchi, sulle branche e sui rami degli alberi;
• smaltire carburanti, oli lubrificanti, acque di lavaggio, nell’area circostante le alberature.
4. Tutte le alberature dovranno risultare sempre accessibili per gli interventi di manutenzione disposti dal Settore competente.

Articolo 12 - Abbattimenti
1. Il Sindaco o suo delegato, si riserva la facoltà di porre sotto tutela tutte le alberature esistenti in aree pubbliche o private, perché giudicate patrimonio paesaggistico, botanico o storico–culturale della città e per le quali è vietato l’abbattimento, salvo casi in cui sia necessario tutelare la pubblica incolumità.
2. Tutti gli abbattimenti di alberi su proprietà pubblica sono, di norma, effettuati direttamente da personale dell’Amministrazione comunale, o da essa incaricato.
3. L’autorizzazione agli abbattimenti viene rilasciata dal Settore ambiente e verde pubblico solo nei casi in cui si accerti grave pericolo per persone o cose, nel caso di piante non più vitali, ovvero nel caso di concessioni edilizie.
4. Gli alberi abbattuti devono essere sostituiti, salvo i casi in cui gli impianti in sostituzione siano inattuabili per l’elevata densità arborea, per carenza di spazio o per mancanza di condizioni idonee.
5. La denuncia di abbattimento deve essere indirizzata al Dirigente del Settore ambiente e verde pubblico e corredata di documentazione fotografica e planimetrica, in particolare deve riportare le motivazioni che giustificano l’abbattimento e le modalità di sostituzione dell’alberatura.
6. Nel caso di alberi di pregio l’autorizzazione ai lavori di abbattimento è subordinata alla dimostrazione che la pianta in oggetto manifesta effettiva pericolosità. Questa dovrà essere accertata mediante un’accurata analisi di stabilità (es. VTA, VTA strumentale) eseguita da tecnico abilitato (Dottore agronomo o forestale).
7. Nei casi di richiesta di concessioni edilizie che comportino l’abbattimento di alberi sarà cura dell’Amministrazione comunale verificare che il richiedente provveda al ripristino del patrimonio arboreo.
8. Il richiedente dovrà presentare allo SUAP, oltre ai documenti di prassi relativi alla concessione edilizia, un progetto dettagliato corredato dai seguenti elaborati:
• relazione generale dell’area oggetto dell’intervento nella quale vengano evidenziate le motivazioni delle scelte progettuali effettuate con precisi riferimenti alle specie arboree, arbustive ed erbacee utilizzate;
• planimetria vegetazionale dello stato attuale dei luoghi, indicando ogni albero in relazione alla specie di appartenenza e contrassegnandolo con un numero progressivo;
• planimetria vegetazionale dello stato di progetto;
• documentazione fotografica degli alberi destinati ad essere abbattuti.
9. La documentazione dovrà essere prodotta in triplice copia e firmata da un tecnico abilitato.

Articolo 13 - Potature delle alberature pubbliche
1. La potatura, quale intervento che riveste un carattere di straordinarietà può essere effettuata esclusivamente per eliminare rami secchi, lesionati o ammalati, per motivi di difesa fitosanitaria, per problemi di pubblica incolumità, per rimuovere elementi di ostacolo alla circolazione stradale, nei casi di interferenza con reti tecnologiche preesistenti o con infrastrutture.
2. Salvo specifica autorizzazione del Settore ambiente e verde pubblico, è vietata la capitozzatura (asportazione totale della chioma).
3. Le potature delle alberature pubbliche, dovranno essere eseguite solo da personale specializzato e conformemente alle esigenze dettate dall’ambiente urbano in cui sono inserite.
4. Le potature devono essere effettuate rispettando, per quanto possibile, la ramificazione naturale dell’albero, interessando branche e rami di diametro inferiore a cm 10 (circonferenza minore di cm 30).
5. I tagli dovranno essere netti e rispettare il collare sulla parte residua senza lasciare monconi.
6. Possono essere esclusi dalle suddette norme gli alberi già gravemente compromessi da precedenti, drastiche e irrazionali potature.
7. Qualora si renda necessaria una riduzione in altezza dell’albero, la potatura dovrà essere eseguita mediante la tecnica del taglio di ritorno consistente nell’asportazione del prolungamento delle branca al di sopra della nuova cima, formando così una nuova cima principale più bassa della precedente senza compromettere la dominanza apicale.
8. La potatura delle Palme dovrà eseguirsi in modo da evitare tagli di foglie che riducono in maniera drastica la vegetazione limitandola ad un ciuffo apicale. Essa dovrà consistere in un’ accurata ripulitura dello stipite da eventuali rampicanti, nell’ asportazione dei vecchi residui delle foglie, nel taglio delle vecchie infiorescenze e spate, taglio delle foglie secche, due giri delle verdi e scalpellatura dei tacchi. I tacchi dovranno essere ben rifiniti con idonei attrezzi da taglio e non presentare spaccature o slabbrature.
9. Gli alberi presenti in parchi e giardini dovranno essere fatti crescere liberamente salvo le necessità legate al riequilibrio e alla rimonda della chioma.

Articolo 14 - Trapianti di alberi ad alto fusto
1. Questo intervento si rende necessario quando si intende salvare piante di pregio botanico ed estetico.
2. Disposizioni tecniche per il trapianto:
• il trapianto va effettuato nel rispetto del ciclo biologico della pianta cercando di mantenere, nella messa a dimora, l'orientamento solare originario. Per le Palme il periodo consentito per il trapianto è luglio–agosto dove si presenta il massimo sviluppo radicale;
• la preparazione dell’esemplare arboreo prevede lo scavo di una zolla circolare proporzionata allo sviluppo della pianta e alle esigenze della specie;
• la buca d’impianto dovrà avere una profondità pari all’altezza della zolla che dovrà poggiare su terreno compatto in modo da evitare affondamenti;
• il diametro della buca dovrà avere un valore pari ad almeno 1,5 volte quello della zolla in modo da di smuovere e aerare un buon volume di terreno che, una volta risistemato all’interno della buca, consente una crescita radicale iniziale più rapida rendendo più veloce l’attecchimento dell’albero;
• è da evitare l’aggiunta di terra soffice al di sotto della zolla in quanto verrebbe compromesso lo sviluppo delle radici al di fuori della buca e, durante la fase di assestamento, l’albero tenderebbe ad affossarsi eccessivamente;
• durante e subito dopo il trapianto è da evitare qualsiasi tipo di concimazione che stimoli la crescita vegetativa della pianta;
• trattare l’esemplare trapiantato con abbondanti irrigazioni;
• gli esemplari di prima e seconda grandezza devono essere assicurati con strutture idonee (cavi d’acciaio, impalcature) per un periodo di 3 anni. Dopo tale periodo, prima di rimuovere la struttura, è necessario effettuare delle prove di stabilità (VTA, VTA strumentale) atte a verificare lo stato di salute generale della pianta, il corretto sviluppo dell’apparato radicale e la resistenza della pianta a sollecitazioni esterne (vento);
• su esemplari arborei di pregio, trapiantati in siti di particolare valore estetico (in prossimità di monumenti, piazze, ecc) devono essere applicate tecniche di ancoraggio sotterraneo della zolla, senza pali tutori. In questo modo la parte ipogea della pianta è mantenuta dritta da travi in legno, di spessore adeguato, infissi ad una profondità che varia a seconda delle dimensioni della pianta.
3. Alla ripresa vegetativa, è buona norma ricorrere alla somministrazione di biostimolanti radicali (micorrize) che entrando in simbiosi con l’apparato radicale aiutano l’albero nell’assorbimento di elementi nutritivi agevolando così l’attecchimento.

Articolo 15 - Impianto di nuove colture arboree
1. Qualora venissero richiesti, l’Amministrazione comunale fornisce attraverso i propri tecnici, indirizzi e suggerimenti riguardanti la realizzazione di nuovi impianti.
Norme tecniche per la messa a dimora di un nuovo albero:
• La buca di piantagione non dovrà essere più profonda dell’altezza della zolla.
• Il diametro della buca di piantagione dovrà avere un valore pari a 1,5 volte quello della zolla.
• posa dell’albero nella buca facendo si che la zolla posi su terreno compatto e che il colletto rimanga alla medesima quota che aveva in vivaio;
• Se il terreno su cui dovrà insistere l’albero è costituito da materiale di risulta, questo dovrà essere eliminato e sostituito con terra di buona struttura per tutto il volume della buca. Il materiale eliminato dovrà essere trasportato presso i siti di discarica.
• trattare il nuovo soggetto arboreo con irrigazioni, evitando ristagni idrici.
• ancorare la pianta con pali tutori (in castagno o robinia) fissati al terreno e al fusto senza che questo venga danneggiato dal loro attrito, oppure, quando possibile con un sistema di ancoraggio sotterraneo;
Accorgimenti da adottare nell’impianto e nella sostituzione di alberate stradali:
• nella scelta delle specie si dovrà tener conto dell’ambiente in cui queste dovranno essere inserite dando priorità, per quanto possibile, a quelle più rustiche.
• le distanze tra pianta e pianta dovranno essere funzionali agli obiettivi di impianto, avendo cura di valutare in particolar modo l’ampiezza dei luoghi di inserimento;
• valutare l’estensione dell’apparato radicale ed eventuali danni che questo potrà arrecare nel tempo (sollevamento di marciapiedi, danni a sottoservizi, etc.)
• velocità di accrescimento e dimensione della chioma dell’esemplare arboreo a maturità.
• condizionamenti procurati dall’ombreggiamento di eventuali edifici;
• tipologia di manutenzione da adottarsi.

Articolo 16 - Difesa fitosanitaria
1. Allo scopo di salvaguardare il patrimonio verde è fatto obbligo di prevenire la diffusione delle principali malattie e dei parassiti animali e vegetali che possono diffondersi nell’ambiente e creare danni al verde pubblico e privato.
2. Considerato che il verde urbano (arboreo ed arbustivo) è prevalentemente soggetto ad alterazioni non tanto di natura parassitaria, quanto a fisiopatie generate dalle anomale condizioni in cui le piante stesse si sviluppano, sarà necessario programmare soprattutto un’attenta e razionale gestione e manutenzione del patrimonio ornamentale.
3. La difesa nei confronti di alcuni parassiti, effettivamente molto pericolosi per il verde pubblico, è dettata da precise disposizioni di legge alle quali è necessario attenersi scrupolosamente.
4. Nelle aree urbane e nei giardini pubblici si dovranno utilizzare esclusivamente prodotti autorizzati come presidi sanitari.
5. Interventi di lotta obbligatoria
Nei confronti di alcuni organismi particolarmente dannosi per alcune specie, anche di interesse ornamentale e ritenuti in certi casi pericolosi per la salute pubblica, sono in vigore in Italia specifici decreti di lotta obbligatoria (Decreti dal Ministero per le Politiche Agricole e Forestali) che prescrivono i controlli e gli interventi da porre in atto per la salvaguardia delle piante e la tutela delle persone. Relativamente al settore Verde Urbano, le avversità il cui controllo è obbligatorio sono quattro:
1. Processionaria del Pino D.M. 17.4.1998;
2. Cancro colorato del Platano D.M. 17.4.1988;
3. Colpo di fuoco batterico D.M. 27.3.1996;
4. Sharka D.M. 29.11.1996.
Trattandosi di avversità a diffusione per ora limitata ma potenzialmente in grado di propagarsi in poco tempo con danni considerevoli, gli interventi di prevenzione e di lotta risultano essenziali per garantirne il contenimento anche in futuro.
Pertanto, sarà obbligatorio anche in via preventiva, l’abbattimento di piante che manifestano i segni di malattie letali epidemiche. Tali operazioni dovranno avvenire preferibilmente in estate o in inverno evitando la diffusione della segatura derivata dal taglio, mediante l’uso di aspiratori, il materiale di risulta dovrà essere eliminato mediante incenerimento. Le ceppaie degli alberi tagliati dovranno essere asportate ed il terreno dovrà essere sostituito nonché disinfettato con appropriate sostanze anticrittogamiche.
L’Amministrazione comunale prescrive inoltre la lotta obbligatoria nei
confronti della grafiosi dell’olmo e del lepidottero defogliatore
“Hyphantria cunea”.
Per la grafiosi dell’olmo è prescritta l’eliminazione delle parti colpite di un albero infetto, nonché l’abbattimento degli alberi definitivamente compromessi, con allontanamento e bruciatura del materiale di risulta.
La lotta all’Ifantria potrà essere agevolmente compiuta con trattamenti alle larve del lepidottero con prodotti a base di B.thuringiensis. Affinché la lotta sia efficace, la presenza dell’insetto deve essere prontamente segnalata.
Il Sindaco può, a mezzo di ordinanze apposite, ordinare la lotta obbligatoria contro i seguenti agenti, qualora nel territorio comunale si verificassero gravi epidemie o focolai consistenti:
- Verticillosi dell’acero provocata da Verticillum alboatrum;
- Marciume radicale di varie piante arboree provocato da Armillaria mellea;
- Tingide del platano, Corytucha ciliata;
- Carie del legno provocata dal fungo Phomes annosus;
- Galerucella dell’olmo, Galerucella luteola.

Articolo 17- Lotta obbligatoria alle specie infestanti
1. La lotta obbligatoria contro le specie infestanti (Ailanthus altissima tra le specie arboree), è valida in tutto il territorio comunale e ha come scopo il contenimento della vegetazione infestante rispetto alla diffusione su aree pubbliche e private.
2. Il proprietario del terreno che, a seguito di abbandono dell’attività agricola o di mancanza di manutenzione, si trovi ricoperto da vegetazione infestante, è obbligato a rimuovere tale vegetazione ed a rimboschire o risistemare l’area. In caso di ripetuta inosservanza delle norme del presente comma, il Sindaco può emettere un’ordinanza di diserbo, pulizia e risistemazione del terreno con addebito del costo degli interventi al proprietario.

 

TITOLO TERZO – REGOLAMENTAZIONE DEL VERDE PUBBLICO

Articolo 18 - Regolamentazione ed uso delle aree pubbliche sistemate a verde
1. Nelle aree pubbliche sistemate a verde viene fatto divieto, salvo specifica prescrizione di:
a. turbare la tranquillità e la sicurezza dei visitatori;
b. tenere comportamenti non conformi all’ordine pubblico e al buon costume;
c. raccogliere o asportare fiori, vegetali in genere o parti di essi, terriccio, muschio, suolo, elementi di arredo o parti di essi nonché fossili, minerali o reperti archeologici;
d. recare danni alla vegetazione arborea, arbustiva ed erbacea;
e. calpestare manti erbosi qualora il divieto sia specificato in loco;
f. campeggiare e pernottare in tutte le aree verdi;
g. accendere fuochi o preparare braci e carbonelle;
h. provocare danni a monumenti, a strutture o infrastrutture di qualsiasi genere;
i. lasciare accesi mozziconi di sigaretta;
j. effettuare operazioni di pulizia di veicoli o di parti di essi;
k. inquinare il terreno, le fontane o le raccolte d’acqua;
l. abbandonare rifiuti di qualsiasi genere;
m. utilizzare qualsiasi mezzo a motore;
n. circolare con i velocipedi, anche se condotti a mano, sul manto erboso;
o. abbandonare, catturare, ferire o molestare animali, sottrarre uova o nidi;
p. omettere la necessaria diligenza atta a evitare che un animale in proprio affidamento molesti persone o ferisca un altro animale;
q. permettere ad un animale di proprietà di imbrattare viali e manti erbosi, infatti il proprietario è obbligato a raccogliere le deiezioni solide;
r. utilizzare cavalli al di fuori dei sentieri e sugli stessi in caso di terreno bagnato o fangoso;
s. mettere a dimora piante;
t. introdurre animali selvatici e, dove vi è il divieto, anche quelli domestici.
2. Nelle aree pubbliche sistemate a verde è consentito:
• in presenza di vialetti idonei, l’uso dei pattini a rotelle e altri velocipedi. In ogni caso, ciclisti e pattinatori dovranno procedere ad andatura tale da non creare pericolo o turbativa agli altri utenti dell’area;
• il libero accesso ai veicoli per la deambulazione di portatori di handicap, mezzi in servizio di vigilanza, mezzi operativi dei soggetti manutentori;
l’ingresso di animali domestici, qualora il divieto non sia specificato in loco, con l’obbligo, da parte dei proprietari, che gli stessi siano tenuti al guinzaglio;
cavalcare solo al passo, nei percorsi riservati ai cavalli nei parchi della fascia periurbana e di grande estensione, evitando di disturbare persone e animali.

Articolo 19 - Aree gioco per bambini
1. In tutte le aree appositamente attrezzate per il gioco dei bambini è vietata la circolazione degli animali domestici. Le attrezzature per il gioco devono essere usate solo dai bambini con età pari a quella indicata nell’apposita segnaletica. La responsabilità e la sorveglianza dei bambini che utilizzano i giochi è dei loro accompagnatori.

Articolo 20 - Regolamentazione e manutenzione di fioriere pubbliche
1. All’interno di tutto il territorio del Comune di Sassari sono presenti un numero elevato di fioriere, atte ad abbellire ed arredare zone dove, per svariati motivi, sono assenti le aree verdi.
2. Le fioriere pubbliche, ovvero quelle posizionate direttamente dall’Amministrazione comunale, saranno curate dalla stessa Amministrazione che ha l’obbligo di occuparsi di tutti gli interventi atti a renderle decorose.
3. È a carico dell’Amministrazione la manutenzione periodica, la pulizia
(da eventuali rifiuti ed essenze erbacee infestanti), la fornitura e la messa dimora di fioriture stagionali e tutti gli oneri necessari a garantire il decoro delle
stesse.
4. In ogni caso le essenze che verranno messe a dimora nelle fioriere, dovranno rispondere a caratteristiche specifiche con finalità prevalenti di tipo estetico–ornamentale e con basso o nullo contenuto allergenico.
5. Viene fatto divieto di:
1. Provocare danni di qualsiasi genere alle strutture;
2. Recare danni alla vegetazione arbustiva ed erbacea;
3. Raccogliere o asportare fiori, vegetali in genere, o parti di essi, terriccio e altri elementi di arredo o parti di essi;
4. Gettare all’interno di esse rifiuti di qualsiasi genere;
5. Rimuoverle o cambiarne l’ordinamento;
6. Sedersi sul bordo, nel caso in cui le fioriere siano sprovviste di una adeguata seduta.

Articolo 21 - Norme a tutela di corsi d’acqua, bacini e fontane
1. Nelle acque dei canali, dei bacini, e delle fontane sono vietati:
• la balneazione;
• l’uso dei natanti, con esclusione dei mezzi di servizio;
• l’immissione di modellini miniaturizzati da competizione, salvo specifica prescrizione;
• l’ostruzione o la deviazione delle acque;
• l’alterazione delle acque con versamento di sostanze nocive di qualsiasi
tipo compresi prodotti erbicidi (diserbanti, antiparassitari,
concimi, etc.);
• lo scarico di rifiuti di qualsiasi genere.

Articolo 22 - Attività consentite previa autorizzazione
1. All’interno di aree verdi, su richiesta di singoli cittadini, enti pubblici e privati, società, gruppi ed associazioni si potranno svolgere le seguenti attività, preventivamente autorizzate dal Settore ambiente e verde pubblico:
a. utilizzare strumenti musicali amplificati. Le apparecchiature a diffusione sonora possono essere ascoltate a un volume tale da non essere di disturbo agli altri frequentatori;
b. esercitare forme di commercio e attività simili, assemblee, esposizioni, rappresentazioni, parate, sfilate, comizi;
c. installare attrezzature fisse o mobili di qualsiasi genere.
2. Nella domanda, da indirizzare allo SUAP, dovranno essere specificate le generalità del richiedente, i motivi per cui si richiede l’autorizzazione e il periodo dell’attività oggetto di autorizzazione.
3. L’autorizzazione sarà rilasciata dallo Sportello unico attività produttive previa acquisizione dei pareri dei Settori interessati.
4. Il richiedente è tenuto ad obbligarsi a rifondere eventuali danni che dovessero essere riscontrati dal personale dell’Amministrazione al termine delle attività autorizzate.
5. L’Amministrazione comunale può riservarsi di richiedere al rilascio dell’autorizzazione, il versamento di una cauzione o la stipula di una polizza fidejussoria, a garanzia di eventuali danni derivanti dall’attività
autorizzata.

Articolo 23 - Concessione di aree verdi comunali
1. L’Amministrazione comunale può dare in concessione, tramite convenzione, dietro richiesta, aree verdi a soggetti privati di comprovata esperienza nel settore del verde o che si avvalgono di operatori con le medesime caratteristiche (imprese specializzate, associazioni ambientaliste, comitati anziani, cooperative del verde, gruppi condominiali, singoli privati).
2. In particolari aree verdi l’Amministrazione può consentire la collocazione di insegne che indicano i nominativi od il logo di privati od imprese che contribuiscano significativamente alle spese di realizzazione o manutenzione dell’area quale testimonianza dell’impegno profuso. La targa dovrà essere conforme a quanto deciso dall’Amministrazione comunale.
3. Il Comune di Sassari è esonerato da ogni responsabilità per danni a persone o cose che dovessero verificarsi durante l’esecuzione delle attività di manutenzione, come da convenzione stipulata.
4. Nel caso in cui gli interventi di manutenzione vengano eseguiti da imprese, queste sono tenute al rispetto delle norme vigenti in materia di sicurezza.
5. Le concessioni possono essere revocate in qualsiasi momento per documentate ragioni di pubblico interesse o per dimostrati inadempimenti dei soggetti concessionari.
6. L’Amministrazione comunale ha inoltre la facoltà di affidare la concessione di aree S3, aree di proprietà dell’Amministrazione comunale ubicate in città a persone fisiche o giuridiche che operino senza scopo di lucro.
7. L’affidamento avverrà secondo le modalità prescritte da un disciplinare e da un’apposita convenzione, predisposti dall’Amministrazione e da sottoscrivere tra le parti.

TITOLO QUARTO – REGOLAMENTAZIONE DEL VERDE PRIVATO

Articolo 24 - Regolamentazione e manutenzione delle aree private sistemate a verde
1. Gli spazi esistenti all’interno dei centri abitati devono rispettare il decoro urbano; pertanto devono avere una specifica destinazione ed essere convenientemente sistemati.
2. Il Comune, ha facoltà di imporre la manutenzione e la conservazione ed il ripristino del verde, dei fossati, delle siepi, ecc. e la rimozione di oggetti, depositi, materiali, insegne e quanto altro possa deturpare l’ambiente o costituire pregiudizio per la pubblica incolumità.
3. Sono classificate come aree private sistemate a verde, tutte quelle aree ricadenti nel Comune di Sassari ma appartenenti a privati, come ad esempio i giardini delle abitazioni private e condominiali, gli spazi adiacenti ai distributori di carburante, gli spazi verdi dei centri commerciali, le aree di ingresso delle attività commerciali presenti lungo le strade (banchine), le aree verdi estensive che ricadono nel territorio comunale e che non hanno specifica destinazione.
4. Al fine di tutelare le aree verdi e i cittadini:
1. il proprietario è obbligato ad assumersi tutti gli oneri di manutenzione ordinaria e straordinaria delle aree;
2. il proprietario è tenuto ad eseguire su spazi ad uso pubblico (strade, marciapiedi, aree carburante, etc) il taglio dei rami delle piante e/o delle siepi che si protendono oltre il confine della proprietà, in modo da evitare sia impedimenti alla circolazione pedonale e veicolare ed alla visibilità della segnaletica stradale che danni di varia natura;
3. il proprietario è obbligato ad evitare la diffusione delle principali malattie e dei parassiti animali e vegetali; qualora sia necessario intervenire con dei trattamenti, questi dovranno essere di tipo biologico;
4. il proprietario è obbligato a mantenere l’area verde pulita e ordinata, provvedendo periodicamente al taglio e alla raccolta di erbacce, rovi e cespugli.
5. Nel caso in cui vengano messe a dimora essenze vegetali, queste dovranno rispondere a caratteristiche specifiche quali finalità di tipo estetico–ornamentale, con un basso potere allergizzante, dovranno inoltre essere rispettate le distanze prescritte dal Codice civile agli artt. 892 e seguenti.

Articolo 25 - Regolamentazione e manutenzione di fioriere private
1. Si definiscono private le fioriere che i cittadini posizionano per adornare gli ingressi delle loro attività commerciali.
2. Fanno parte di questa categoria anche le tasche di terracotta o le semilune applicate sugli ingressi degli stessi esercizi commerciali.
3. Nella domanda, da indirizzare allo SUAP, dovranno essere specificate le generalità del richiedente, il numero e l’esatta ubicazione delle fioriere.
4. L’autorizzazione sarà rilasciata dallo Sportello unico attività produttive previa acquisizione dei pareri dei Settori interessati.
5. E’obbligo del commerciante assumersi tutti gli oneri di manutenzione delle fioriere sopra descritte in modo da renderle esteticamente adatte alla loro funzione ed alla loro posizione.
6. Nel caso in cui il titolare dell’attività non si assuma il descritto onere è obbligato a rimuovere i suddetti arredi.
7. In ogni caso, le essenze che verranno messe a dimora nelle fioriere dovranno rispondere a caratteristiche specifiche con finalità prevalenti di tipo estetico–ornamentale.
8. Viene fatto divieto di:
• provocare danni di qualsiasi genere alle strutture;
• recare danni alla vegetazione arbustiva ed erbacea;
• raccogliere o asportare fiori, vegetali in genere o parti di essi, terriccio e altri elementi di arredo o parti di essi;
• gettare all’interno di esse rifiuti di qualsiasi genere;
• rimuoverle o cambiarne l’ordinamento rispetto a quanto prescritto nell’autorizzazione rilasciata dagli uffici competenti.

Articolo 26 - Tutela delle alberate private
1. Il Settore ambiente e verde pubblico del Comune, attuerà sistematici controlli sulle alberate tutelate e di particolare pregio botanico, al fine di preservarne l’integrità e la salute. Il proprietario che intenda eseguire qualsiasi intervento che modifichi la forma, la struttura e le caratteristiche delle piante poste sotto tutela, è tenuto a richiedere preventiva autorizzazione al Settore ambiente e verde pubblico del Comune.

Articolo 27 - Potature
1. Sono consentiti, senza necessità di produrre domanda, interventi di potatura mirati a risanare, a contenere o a riformare le chiome degli alberi.
In ogni caso è obbligo dei privati cittadini, potare i rami di alberi e/o arbusti che sporgono oltre il muro di cinta di abitazioni e di giardini privati.
2. Tuttavia viene fatto divieto di:
• eseguire operazioni di capitozzatura, considerate, agli effetti del presente regolamento come abbattimenti;
• eseguire interventi di cimatura di conifere a portamento monopodiale eccezione fatta per quelle costituenti siepi da tenere in forma.
3. Le operazioni di potatura dovranno essere eseguite a regola d’arte, con attrezzi idonei, da personale esperto e interessare di norma rami di diametro non superiore ai 10 cm, avendo cura di lasciare un ramo con funzione di “tira linfa”. E’ fatto obbligo di asportare le branche morte ed è consigliato l’uso di trattamenti fungicidi sulle ferite al fine di ridurre pericoli d’infezione.
4. Tutti gli interventi di potatura potranno di norma essere effettuati:
a. per le specie decidue nel periodo autunno/invernale;
b. per le specie sempreverdi nei soli periodi di riposo vegetativo;
c. per tutte le specie, relativamente alle parti morte, tutto l’anno.
5. Le ramaglie che derivano da tali interventi dovranno essere immediatamente allontanate e conferite alla piattaforma ecologica del Settore ambiente.

TITOLO QUINTO – ALBERI DI PREGIO

Articolo 28 - Individuazione degli alberi di pregio
1. Si definiscono alberi di pregio e monumentali:
• alberi di prima grandezza che per età, dimensione del fusto e della chioma, possono considerarsi rari esempi di maestosità e longevità;
• alberi aventi un preciso riferimento ad eventi e memorie rilevanti;
• alberi di qualsiasi specie dotati di un elevato valore naturalistico per rarità, età e sviluppo raggiunto.

Articolo 29 - Obblighi per i proprietari
1. E' fatto obbligo ai proprietari degli alberi di pregio, di eliminare tempestivamente le cause di danno alla vitalità delle piante e di adottare i provvedimenti necessari per la protezione contro eventuali effetti nocivi.
2. Sarà cura dell’Amministrazione comunale informare i soggetti interessati dall’eventuale presenza di alberi di pregio all’interno di proprietà private.

Articolo 30 - Interventi sugli alberi di pregio esistenti
1. Qualsiasi intervento sugli alberi di pregio riveste carattere di assoluta eccezionalità. Tutti gli interventi di abbattimento, modifica sostanziale della chioma e dell’apparato radicale, dovranno essere autorizzati dal Comune.
2. Il proprietario degli alberi di pregio, sia esso soggetto privato che ente pubblico, è tenuto previa autorizzazione da parte del Comune, ad eseguire periodicamente la rimonda delle parti secche, ed a conservare l’equilibrio vegetativo e meccanico tramite periodici interventi di potatura, in quegli esemplari allevati per anni secondo una forma obbligata (per i quali un abbandono a libero sviluppo vegetativo comporterebbe pericoli di sbrancamento e/o instabilità meccanica).

TITOLO SESTO – DANNI E SANZIONI

Articolo 31 - Danni causati al patrimonio urbano
1. Chiunque cagioni danni ad un albero di proprietà comunale è tenuto a risarcire all’Amministrazione comunale una somma pari al valore del danno. Sarà compito dei tecnici del Settore ambiente e verde pubblico, valutare l’ammontare del danno ed eseguire la stima.
 

Articolo 32 - Danni causati dagli alberi di proprietà comunale a persone o cose
1. I danni causati dagli alberi di proprietà comunale a persone o cose verranno risarciti dall’Amministrazione comunale solo se comprovati da un verbale redatto da un pubblico ufficiale e da una relazione tecnica completa di eventuale documentazione fotografica, disposta dai tecnici del Settore ambiente e verde pubblico. Nei casi di danni di piccola entità, come quelli arrecati ad un autoveicolo in sosta, in seguito alla caduta di un piccolo ramo, è ritenuto sufficiente e probatorio solo il verbale di un pubblico ufficiale.
 

Articolo 33 - Fioriture, tappezzanti, prati, arredi, giochi, recinzioni e manufatti
1. Nel caso di giardini e parchi pubblici affidati in appalto a ditte private il ripristino conseguente al danneggiamento di fioriture, tappezzanti, prati, arredi, giochi, recinzioni e manufatti, avverrà a cura dell’appaltatore secondo le norme previste dal capitolato speciale d’appalto.
2. Nel caso di aree verdi affidate in concessione a terzi, eventuali danni saranno ripristinati a cura e spese del concessionario.

Articolo 34 - Sanzioni
1. Ogni violazione e inosservanza delle norme e prescrizioni del presente regolamento, è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria specificamente determinata con provvedimento dell’Amministrazione, in conformità della disciplina generale di cui al Capo I della legge 24 novembre 1981, n. 689. Secondo quanto previsto dall’art. 7 bis del D. Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 varierà da un minimo di 25,00 € ad un massimo di 500,00 €.

2. Nella tabella sottostante sarà riportata l’entità della sanzione riferita ad ogni specifica trasgressione.
 

Articolo violato

Oggetto

Pagamento in misura ridotta entro 60 gg.

Sanzioni euro

 -

 -

 

Minimo

massimo

5

Regolamentazione ed uso delle aree pubbliche sistemate a verde

€   80,00

€   40,00

€ 500,00

7

Regolamentazione e manutenzione fioriere pubbliche

€   50,00

€  25,00

€ 100,00

 

 

 

 

 

 

11

Interventi di scavo in prossimità di aree sistemate a verde

Mancanza di autoriz-zazione

 

 

 

€ 300,00

 

 

 

€ 150,00

 

 

 

€ 500,00

Interventi di scavo in prossimità di aree sistemate a verde

Insufficienza nelle misu-re adottate per la salvaguardia della vege-tazione

 

 

 

€ 160,00

 

 

 

 

€   80,00

 

 

 

€ 500,00

Interventi di scavo in prossimità di aree sistemate a verde

Recisione anomala e lesioni a radici

 

 

 

€ 300,00

 

 

 

€ 150,00

 

 

 

€ 500,00

13

Abbattimenti

Abbattimento non auto-rizzato

 

€ 300,00

 

€ 150,00

 

€ 500,00

14

Potatura delle alberature pubbliche

Capitozzatura

 

€ 250,00

€ 100,00 € 500,00

18

Regolamentazione e ma-nutenzione delle aree private

€ 160,00

€   80,00 € 200,00

19

Regolamentazione e ma-nutenzione delle fioriere private € 160,00 €   80,00 € 200,00

20

Tutela delle alberature private

€ 400,00

€ 200,00 € 500,00

21

Potature

€ 200,00 € 100,00 € 300,00

 

Articolo 35 - Norme finanziarie
1. Tutti gli importi derivanti dalle sanzioni previste nel presente Regolamento, saranno introitati in un apposito capitolo del bilancio e il loro utilizzo sarà destinato esclusivamente ad interventi sul verde pubblico o ad iniziative di rinaturalizzazione e di recupero ambientale.

Articolo 36 - Organi delegati alla vigilanza
1. Gli agenti di Polizia municipale Guardie zoofile e la Compagnia barracellare, in collaborazione con il Settore ambiente e verde pubblico, accertano le violazioni alle norme del presente regolamento ed effettuano le contravvenzioni conseguenti.

Articolo 37 - Danni a piante di particolare valore ornamentale
1. I danni accertati su piante ornamentali, vengono addebitati al responsabile del danneggiamento nella misura calcolata partendo da un valore iniziale che dovrà essere moltiplicato per i vari indici sotto elencati e meglio specificati nelle tabelle riportate di seguito.


Valore iniziale dell’essenza arborea (C0):
Viene considerata la decima parte del prezzo medio di acquisto in vivaio di una pianta della medesima specie e varietà avente 10-12 cm di circonferenza (parametro non valido per le palme) per le latifoglie ed altezza pari a 150-175 cm. per le conifere. Il prezzo è comprensivo di trasporto e messa a dimora

Indice di circonferenza (Ic)
Gli indici relativi alla circonferenza sono riportati nella tab. A

Indice di posizione (Ips e Ipu)
L’influenza della posizione della pianta sul suo valore ornamentale è espresso da due specifici indici: il primo considera la posizione sociale della pianta; il secondo considera la posizione urbanistica della pianta. I valori relativi all’indice Ips sono riportati nella tab. B mentre i valori dell’indice Ipu sono riportati nella tabella C

Indice fitosanitario (If)
Descrive le condizioni di salute della pianta riferendosi sia alle condizioni fisiologiche che all’eventuale presenza di problemi patologici. I valori corrispondenti sono riportati nella tab. D

V.O.= C0 x Ic x Ips x Ipu x If

Tabella A

Indice di circonferenza (Ic) calcolato a m. 1,00 dal colletto

Circonferenza cm.

da 10 a 14

da 15 a 22

da 23 a 30

40

50

60

70

80

90

100

110

120

130

Indice

0,5

0,8

1

1,4

2

2,8

3,8

5

6,4

8

9,5

11

12,5

Circonferenza cm.

140

150

160

170

180

190

200

220

240

260

280

300

320

Indice

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

Circonferenza cm.

340

360

380

400

420

440

460

480

500

600

700

 

 

Indice

27

28

29

30

31

32

33

34

35

40

45

 

 

Tabella B

Indice di posizione (Ips)

Isolato

2.0

In gruppi da 2 a 5 esemplari

1,8

In filare o in gruppi con più di 6 esemplari

1,4

Tabella C

Indice di posizione (Ipu)

Centro città

10

Media periferia

8

Periferia

6

Parchi esterni

4

Zone rurali

2


Tabella D

Indice fitosanitario (If)

molto buono

albero sano e vigoroso

5

leggermente alterato

albero con vigore medio; ferite minori in corso di cicatrizzazione

3,5

alterato

albero di scarso vigore; ferite non cicatrizzate con presenza di attacchi parassitari gravi

2,5

deperiente

albero in stato di deperimento avanzato ed irreversibile; ferite di grosse dimensioni con presenza di attacchi fungini evidenti

1,5

morto

Albero quasi completamente secco

1

Articolo 38 - Danni alle alberate comunali (tipo morfologico, biologico, fisiologico)

A) Abbattimenti:
Nel caso in cui il Settore ambiente e verde pubblico debba procedere in proprio o autorizzi l’abbattimento di piante gravemente danneggiate o compromesse nella loro stabilità a causa di lavori effettuati nelle adiacenze o a seguito di incidenti provocati da veicoli, oppure, debba occuparsi della rimozione di esemplari ubicati in aree, sedi di nuovi interventi infrastrutturali, il Sindaco o suo delegato si riserverà il diritto di richiedere un indennizzo a chi causa un impoverimento del patrimonio arboreo cittadino.
Tale indennizzo sarà determinato in base alla stima del valore ornamentale dei soggetti vegetali coinvolti e/o compromessi. Esso rappresenta il valore di mercato che consente di definire il costo di riproduzione del “bene albero”, adattando un procedimento di tipo parametrico con variabili in base al prezzo d’acquisto, valore estetico, ubicazione urbana, dimensioni ed alle condizioni fitosanitarie, secondo quanto indicato nelle tabelle allegate.
L’indennizzo complessivo calcolato per l’abbattimento di un albero sarà determinato dalla seguente formula:

I = V.o. + S. a. – V.I.

dove:

I = indennizzo (ornamentale) spettante all’Amministrazione comunale.
V.o. = valore ornamentale;
S.a. = spese di abbattimento (se sostenute dall’Amministrazione comunale);
V.I. = valore di mercato del legname da opera retribuibile (se incamerato dall’Amministrazione comunale).
B) Interventi sulla chioma
Nel caso in cui vengano realizzati interventi non autorizzati a danno delle chiome di soggetti arborei (potature, sbrancature, taglio rami, ecc.) nel corso di lavori, la Città di Sassari si riserva il diritto di richiedere un indennizzo pari alla riduzione del valore ornamentale del patrimonio arboreo coinvolto.
Il procedimento comporta il confronto fra la stima del valore ornamentale che gli esemplari avevano prima dell’intervento (stima analitica o per comparazione con soggetti analoghi) e quello che risulta immediatamente dopo l’intervento.

L’indennizzo quindi sarà determinato dalla seguente formula:

I = V.c.p. – V.o.s.

dove:

I = indennizzo spettante alla Città.
V.o.p. = valore ornamentale precedente l’intervento.
V.o.s. = valore ornamentale successivo all’intervento.
C) Danno biologico causato sull’apparato radicale.
Si procederà alla determinazione del danno biologico nei casi in cui, ad insindacabile giudizio dei tecnici del Settore Ambiente e verde pubblico, a seguito di lavori, vengano danneggiati gli apparati radicali delle piante.
L’indennizzo si basa sulla considerazione che il danneggiamento all’apparato radicale è causa diretta della riduzione del valore ornamentale del soggetto, in quanto ne provoca un deperimento generale e/o la necessità di una potatura per riequilibrare il rapporto parte ipogea/parte epigea che ha, come diretta conseguenza, una riduzione delle dimensioni e del pregio estetico – ornamentale dell’esemplare.
D) Altri danni.
Qualora si riscontrassero danni (scortecciamenti, rotture) al tronco, alle branche ed ai rami delle piante, per i quali si rendesse necessario il ripristino e si dovesse ricorrere all’intervento di un operatore specializzato per procedere a disinfezioni, ancoraggi, riduzioni di rami, ecc., l’indennizzo, sarà pari alla spesa sostenuta dalla Città per l’intervento effettuato sulla pianta danneggiata, applicando i prezzi di mercato.