Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso. Per ulteriori informazioni riguardanti anche la modalità di modifica delle impostazioni dei cookie, leggi la nostra Informativa sulla privacy

2015 schede

2015 rassegna

2015 denunciare

2015 prontuario

Dona il tuo 5x1000 a Feder F.I.D.A. Onlus
Stampa

EUROPA - Introduzione alle leggi comunitarie

Unione europeaI 27 Paesi che formano l'Unione europea condividono un insieme di regole che riguardano anche la tutela degli animali d'affezione e della fauna.
Con l'affermarsi dell'Unione europea, sempre più spesso quello comunitario diventa il riferimento normativo cui tutti i Paesi si devono armonizzare.
Le leggi di tutti i Paesi dell'Unione, tra cui l'Italia, si devono adeguare a queste norme comuni per permettere sempre più che le legislazioni dei singoli paesi europei si armonizzino attorno a un'unica guida di riferimento: le norme comunitarie hanno prevalenza su quelle nazionali.

NOTARE:

  • Le Direttive europee stabiliscono dei criteri generali cui i paesi si devono uniformare attraverso delle specifiche leggi di recepimento.
  • I Regolamenti hanno efficacia immediata.

 

Qui alcune delle leggi comunitarie che interessano in questa sede.

  • Convenzione Europea per la protezione degli animali da compagnia - Direttiva di Strasburgo, 1987.
  • Nuove norme per il benessere degli animali durante il trasporto - Regolamento inteso a migliorare la protezione e il benessere degli animali durante il trasporto.
  • Importazione di pellicce di cane e gatto nella UE - Regolamento n. 1523/2007 dell'11 dicembre 2007 che vieta la commercializzazione, l'importazione nella Comunità e l'esportazione fuori della Comunità di pellicce di cane e di gatto e di prodotti che le contengono.
  • PASSAPORTO per cani, gatti e furetti nella UE - Regolamento n. 998 del 26 maggio 2003.